Mercato auto Italia, ad agosto cala dello 0,2%

Nel mese di agosto il mercato auto italiano è calato dello 0,2%

2 settembre 2014 - 11:05

Secondo i dati pubblicati oggi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ad agosto il mercato italiano dell'auto totalizza 53.191 immatricolazioni, lo 0,2% in meno rispetto ad agosto dello scorso anno. Nei primi otto mesi del 2014, i volumi immatricolati si attestano a 925.393 unità, il 3,5% in più rispetto allo stesso periodo del 2013. Secondo l'anticipazione dello scambio di dati tra ANFIA e UNRAE, ad agosto 2014 gli ordini raccolti ammontano a circa 56.000, con una crescita di oltre il 2% rispetto ad agosto 2013. Nei primi 8 mesi dell'anno, gli ordini raggiungono quasi 914.000 unità, in aumento del 6,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

IL COMMENTO DI ANFIA – “In un mese tradizionalmente debole per il mercato dell'auto, la stabilità delle immatricolazioni mensili è perlopiù imputabile alla buona tenuta del portafoglio ordini negli ultimi mesi, in assenza della quale si sarebbe probabilmente avuto un agosto in ribasso – ha commentato Roberto Vavassori, Presidente di ANFIA – In materia di rinnovo del parco circolante, tra i temi all'ordine del giorno del Consiglio dei Ministri dello scorso 29 agosto, c'era anche la rimodulazione degli incentivi per i veicoli a basse emissioni complessive (BEC), destinata a rendere più flessibile la ripartizione delle risorse tra le diverse classi di incentivi. Con l'eliminazione delle rigidità e delle restrizioni della normativa attualmente in vigore, in accordo con quanto suggerito da ANFIA, gli incentivi diventeranno più accessibili, favorendo la ripresa del mercato e il ricambio del parco”.

E QUELLO DI FEDERAUTO – “Agosto, pur con il suo basso peso specifico, potrebbe anticipare la tendenza dei prossimi mesi, ossia l'assestamento del mercato auto su livelli depressivi. Detto in altri termini, l'automobile che da sempre nel nostro Paese ha spinto la ripresa dell'economia, in questo momento sta trainando la crisi dei consumi – ha commentato Filippo Pavan Bernacchi, presidente di Federauto – In pratica abbiamo trasformato una filiera da sempre virtuosa per le casse dello Stato e per l'occupazione in un problema che genera altri problemi, in un circolo vizioso che deve assolutamente essere spezzato”.

STRUTTURA DEL MERCATO – Nel mese di agosto il noleggio rimane stabile in volume con 16.631 unità immatricolate (al 14,5% di quota), come le società, che con 22.849 auto vendute, sfiorano il 20% del totale mercato. In agosto i privati recuperano alcune migliaia di unità, crescendo del 7,7% e raggiungendo il 65,6% di rappresentatività, ma nei sette mesi rimangono ancora al di sotto dei volumi dell'anno precedente, fermandosi al 60,9% di quota di mercato. Dei punti di quota persi dai privati in gennaio-luglio si sono avvantaggiate le immatricolazioni a società di noleggio, che salgono al 22,1% del totale, con circa 194.000 immatricolazioni (+17,2%). Infine, le società confermano la loro quota di mercato del 17%. I diesel sfiorano il 60% di quota sul totale dei 7 mesi.   

IL GRUPPO FIAT E LA TOP FIVE – I marchi di Fiat Chrysler Automobiles (escludendo Ferrari e Maserati) nel complesso, totalizzano nel mese 14.746 immatricolazioni (-6,7%), mentre nel progressivo da inizio 2014 i volumi ammontano a 259.269 unità (-0,8%). Segno positivo, ad agosto, per Jeep (+81,4%), Ferrari (+225%) e Maserati (+230,8%). Nei primi otto mesi del 2014, risultati positivi per Fiat (+0,8%), Jeep (+39,9%), Ferrari (+13,8%) e Maserati (+596,1%). Sono tre i modelli italiani presenti nella top five dei modelli più venduti a luglio. In testa alla classifica c'è la Fiat Panda (4.119 unità) seguita dalla Fiat Punto (2.725) e dalla Lancia Ypsilon 500L (2.110). In quarta posizione c'è la Renault Clio (1.932) mentre in quinta posizione si colloca la Volkswagen Golf (1.913).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Viaggi estate 2022

SicurAUTO.it vi augura buone vacanze: ci rivediamo il 22 agosto

Incentivi auto, l’UE critica gli USA: “il nuovo piano è discriminatorio”

Test drive auto nuova: con i brand di EV sono fondamentali