Mancata revisione auto: errore di coordinamento nel Codice della strada

Noi di Automobilista.it scoviamo per voi diverse chicche che riguardano il Codice della strada, e non vengono mai alla luce. Oggi è il turno di quello che noi reputiamo...

5 febbraio 2010 - 0:00

Noi di Automobilista.it scoviamo per voi diverse chicche che riguardano il Codice della strada, e non vengono mai alla luce. Oggi è il turno di quello che noi reputiamo essere un errore di coordinamento nel Codice della strada. Infatti, chi circola con un autoveicolo che non è stato presentato alla prescritta visita di revisione per più di una volta, in relazione alle cadenze previste (in genere biennali) rischia una sanzione raddoppiata (quindi non 155 euro, come stabilisce l'articolo 80 comma 14, bensì 310 euro). E fin qui ci siamo. Se, invece, la contestazione viene fatta in autostrada, la multa rimane sempre 155 euro, indipendentemente dalla cadenza omessa; questo perché l'articolo 176, comma 18 (veicolo circolante in autostrada con omessa revisione), non prevede (e qui sta secondo noi l'errore di coordinamento) il raddoppio della sanzione, contemplato, invece, dall'articolo 80, comma 14.

Insomma, a nostro giudizio, quest'errore di coordinamento è l'ennesima prova che il Codice della strada andrebbe rivisto, riscritto, adeguato. Invece, il Disegno di modifica al Codice dorme in Parlamento. Non svegliate i politici, potrebbero esserne disturbati.

fonte

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto nuove, prezzi sino a +24% rispetto al listino negli USA

Trasporto auto elettriche: servono navi speciali “antincendio”

Auto nuove: i sistemi di sicurezza fondamentali per Global NCAP