Malmö ha adottato Hiriko, la microcar elettrica basca

La vetturetta si può accorciare per ridurne l'ingombro e sarà prodotta nella zona socialmente svantaggata della città svedese

15 febbraio 2012 - 9:58

Sulle strade di Malmö, una città della Svezia meridionale (la terza del Paese in ordine di dimensioni), potrebbero presto sfrecciare silenziosamente centinaia di esemplari della Hiriko, una microvettura a lunghezza variabile (vedremo più avanti che cosa ciò significa) frutto di un audace progetto transnazionale di mobilità elettrica.

NATA NEGLI USA, MA L'ANIMA ? BASCA – L'idea concettuale del veicolo è infatti del MIT Media Lab, una divisione del prestigioso istituto americano che si occupa di progetti futuribili a 360°e che l'ha sviluppata a partire dal gennaio 2010, ma la Hiriko è stata poi ingegnerizzata in Spagna dall'ingegner Fernando Gaspar, ex-DaimlerChrysler ai tempi in cui le due aziende erano unite. Partner del progetto sono AFYPAIDA (acronimo di Asociación para el Fomento y Promoción de Actividades Industriales y Deportivas de Automoción) e la società d'investimenti DenokInn, che sono entrambe in territorio basco. Anche il quartier generale dell'impresa sorge in quella zona, nella città di Vitoria Gasteiz, e baschi sono anche i partner tecnologici: Guardian (che realizza i cristalli), Maser-Mic (elettronica e meccatronica), Forging Products (produrrà il telaio d'alluminio della Hiriko), TMA (portiere), Sapa Placencia (trasmissione), Ingeinnova (costruirà lo stabilimento di produzione) e BRW (ruote).

ACCORCIATA, È LUNGA METÀ DI UNA SMART – La Hiriko, cui nome in lingua basca significa “urbano”, è un veicolo al 100% elettrico biposto a quattro ruote motrici il cui accesso avviene attraverso il ribaltamento del parabrezza. L'autonomia è prevista in almeno 100 km e il prezzo di vendita è stato ipotizzato in 12.500 euro. Il pacco batterie è previsto venga fornito a noleggio. La sua principale particolarità è che la lunghezza può essere ridotta facendo slittare gli elementi del telaio. In questo modo, il suo ingombro longitudinale in modalità “compressa” è pari a poco meno della metà di quello di una Smart. Un'altra particolarità della vettura, che in questo caso ha però valenza sociale, è che ne è prevista la costruzione nelle città dove sarà effettivamente utilizzata, cioè, oltre a Malmö, Barcellona, Berlino, San Francisco, Hong Kong e la stessa Vitoria Gasteiz, la cittadina basca dove sorge la sede del consorzio. A Malmö lo stabilimento della Hiriko dovrebbe sorgere nella zona ovest, cioè quella ad alta densità di immigrati e di persone a basso reddito, socialmente svantaggiata rispetto alla ricca zona est. Interessante, speriamo almeno che sia sicura.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)

Move-in Milano: come chiedere la deroga per gli accessi in Area B

Lo Psicologo del Traffico 15 anni dopo: chimera o realtà?