Malasegnaletica: una realtà sottovalutata. Assosegnaletica chiede subito azioni concrete

Roma, 23 Ottobre 2008 - Non è più tempo di analisi, è il momento del fare: questo l’imperativo di Assosegnaletica/ANIMA. Rendere le strade più sicure avviando subito un processo di...

23 ottobre 2008 - 13:04

Roma, 23 Ottobre 2008 – Non è più tempo di analisi, è il momento del fare: questo l’imperativo di Assosegnaletica/ANIMA. Rendere le strade più sicure avviando subito un processo di risanamento della segnaletica è la proposta che l’Associazione dei produttori di segnali stradali, aderente ad ANIMA (Confindustria) lancia in occasione della tavola rotonda del 4 Novembre alla Camera dei Deputati, presso la Sala delle Colonne di Palazzo Marini.

Lo stato della segnaletica ha raggiunto livelli di criticità intollerabili. In Italia il 45% della segnaletica stradale è obsoleta o non conforme alle norme. Purtroppo non si fa che parlare di incidentalità e mai di cause e concause (segnaletica inadeguata). <<Occorre, invece, considerare il segnale come elemento indispensabile per la sicurezza stradale – sottolinea Paolo Cattorini, Presidente dell’Associazione – focalizzando l’attenzione  su proposte di soluzioni>>.

Fondamentale per Assosegnaletica è riprodurre le best practices europee in Italia, l’elaborazione di un codice della strada con un sistema sanzionatorio efficace e l’inserimento in Finanziaria di risorse per le strade ad alto rischio. Altre priorità: destinare una quota delle multe alla sostituzione dei cartelli, predisporre una segnaletica d hoc per l’utenza debole e rimuovere quella  obsoleta e  superflua.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto nuove, prezzi sino a +24% rispetto al listino negli USA

Trasporto auto elettriche: servono navi speciali “antincendio”

Auto nuove: i sistemi di sicurezza fondamentali per Global NCAP