[Seat Ibiza] – Maurizio Pezzutti

6 settembre 2011 - 3:02

salve gentile Sicurauto,
navigando nel vostro forum dopo ciò che mi è accaduto e che descrivo in seguito, mi sono imbattuto in questo thread :

http://www.sicurauto.it/forum/viewtopic.php?t=30&sid=366879743caeffd398f4e7358fe2b9ec

allorchè leggendo il suo indirizzo email vi scrivo ciò che mi è successo:

questo è in breve ciò che mi è successo con la mia seat ibiza cupra 1.9 tdi che è ferma in assistenza da 10 gg, in attesa che i responsabili tornino dalle vacanze per poter decidere se far venire o no i periti da verona…

bah

praticamente ho preso una buca, nn mi si è rotto nè cerchio nè gomma nè ho toccato sotto, nulla… solo che mi è sploso l’airbag laterale del passeggero (buca presa con l’anteriore dx) e la centralina ha rilevato il CRASH…

alla seat non hanno intenzione di risolvere la cosa in garanzia…
e il preventivo è di 1258 euro….. che non so neanche dove prendere ora come ora….

dicono che se la centralina ha rilevato il crash non c’è nulla da fare perchè ha funzionato bene….

BENE?????

io dico…la macchina si è spenta appena dopo la buca, e se c’era un ostacolo da evitare? uno che attraversa, un altra macchina, un muretto?

l’auto ha funzionato bene??

fate attenzione a comprarvi una cupra e a prendere una buca, vi pu costare l’8% del valore della macchina e rischiate anche di brutto…

oppure fate disinserire gli airbag appena prendete la macchina dal concessionario.. è sicuramente + sicura!!!

in tutto questo ringrazio il sig. Milozzi Maurizio, capofficina seat a corso Francia (roma) che sta cercando in tutte le maniere di potermi aiutare, anche se l’ultima parola purtroppo non spetta a lui…

vi terrò aggiornati….

grazie anticipatamente per l’attenzione, un saluto e auguri di buona pasqua

Maurizio Pezzutti

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Sciopero benzinai 14 dicembre

Benzina 100 Ottani: serve davvero?

Revisione auto: come avviene davvero e perché non aiuta la sicurezza

controlli sulla carrozzeria

Costi riparazione paraurti auto: l’evoluzione di un componente divenuto caro