[Renault X Mod] Lorenzo Sarti

11 giugno 2014 - 9:48

La Renault X Mod sulla quale viaggiavo con mia moglie ha subito un violento urto frontale contro un furgone Fiat Daily che marciava in direzione opposta. Gli airbag frontali della Renault non si sono attivati e mia moglie, che era alla guida, ha riportato un forte trauma toracico.

Risponde Bruno Pellegrini, l'esperto di SicurAUTO.it

Le condizioni necessarie affinché gli airbag frontali si attivino, prevedono una velocità effettiva di almeno 25-30 km/h ed un angolo di impatto entro 30° a destra o a sinistra rispetto all'asse longitudinale del veicolo. Ovviamente, nel caso di urto contro veicolo che procede in direzione opposta, la velocità d'impatto è quella derivante dalla somma delle rispettive velocità dei veicoli coinvolti.
In base alle foto inviateci dal nostro lettore, emerge che l'urto frontale subito dalla Renault non è perfettamente centrale ma pur essendo disassato, rientra ampiamente nel cono di 30° rispetto all'asse longitudinale del veicolo. Inoltre l'entità delle deformazioni evidenziano una velocità d'impatto ben superiore ai 30 km/h e una decelerazione notevole. Gli eventuali rilievi e verbali dei Vigili o della Polstrada riporteranno certamente le velocità stimate dei 2 veicoli coinvolti. Anche la natura del trauma toracico riportato dalla Sig.ra Sarti, potrebbe fornire utili indicazioni atte a stabilire se il danno fisico sia una diretta conseguenza della mancata attivazione dell'airbag frontale, oppure sia attribuibile all'azione di trattenimento della cintura di sicurezza. E' anche opportuno verificare l'eventuale danneggiamento/arretramento del semitelaio anteriore e della sospensione anteriore sx., circostanza che confermerebbe una forte decelerazione.
Quasi mai le Case automobilistiche riconoscono, in via bonaria, una difettosità del sistema airbag a seguito di incidenti. Quindi, per ottenere una valutazione super partes dell'evento, è necessario intraprendere una causa legale con richiesta al tribunale competente di una CTU (Consulenza Tecnica d'Ufficio) sul veicolo interessato. Vi sono anche dei casi (pochi) in cui il giudice designato ha emesso la sentenza di primo grado solo sulla base dei documenti (verbali dei vigili, foto, rilievi sulla dinamica del sinistro,ecc.), senza ricorrere alla CTU.
Le Case non dichiarano i valori di decelerazione della soglia di attivazione degli airbag. Questa varia a secondo del modello e non è regolamentata in sede di omologazione. Ciò rende più complesso, in sede di perizia, la comparazione dei valori e ci si deve basare sui parametri medi accettati dalla casistica esistente. Anche la lettura con tester diagnostico, di eventuali codici guasti in memoria, non aiuta più di tanto poiché gran parte della casistica anomala non è connessa a guasti evidenti del sistema airbag (segnalati dalla relativa spia) ma a carenze di taratura delle soglie di attivazione.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Sciopero benzinai 14 dicembre

Benzina 100 Ottani: serve davvero?

Revisione auto: come avviene davvero e perché non aiuta la sicurezza

controlli sulla carrozzeria

Costi riparazione paraurti auto: l’evoluzione di un componente divenuto caro