Leggi contro gli stranieri pericolosi in auto? Meglio tardi che mai

Ogni volta che ho toccato l'argomento sono stato tacciato di razzismo. Di che si tratta? Di un gravissimo problema sociale, di cui però le persone capiscono la portata soltanto quando ne vengono...

4 novembre 2007 - 9:45

Ogni volta che ho toccato l'argomento sono stato tacciato di razzismo. Di che si tratta? Di un gravissimo problema sociale, di cui però le persone capiscono la portata soltanto quando ne vengono coinvolti fino al collo: gli stranieri che – in Italia – guidano senza rispettare il Codice della strada provocando gravi incidenti.

In genere, mi arrivano commenti di questo tenore: ehi, xenofobo, ma non ti rendi conto che anche gli italiani sono pericolosi?

Certo che me ne rendo conto, ma sono davvero troppi gli extracomunitari che si mettono al volante senza conoscere le nostre leggi della circolazione e che causano gravi sinistri: lo dicono i numeri e gli episodi di cronaca.

Il grosso rischio è che lo straniero sia abituato ad altri Codici della strada, carreggiate, rotatorie, distanze di sicurezza, sorpassi, segnalazioni di spostamento. Sicché, l'extracomunitario che guida senza conoscere il Codice della strada italiano ha in mano un'arma: l'auto. Non soltanto. Se beve troppo alcol (o si droga) e poi guida (attenzione, basta un bicchierino: non credete a chi dice che due birre si reggono bene), diventa un pericolo mortale. Forse sono le statistiche a essere razziste, non io. Chi vuole accusi i numeri e gli episodi di cronaca, non me.

Adesso il Governo corre ai ripari.

1) Dopo il più recente e drammatico episodio di violenza sessuale, ci sarà meno tolleranza verso gli stranieri che commettono reati: si attende un decreto. Immagino siano inclusi gli extracomunitari che causano incidenti gravissimi in stato d'alterazione da alcol o droga.

2) In seguito ai frequenti sinistri con ubriachi o drogati che han causato decessi, chi ha provocato l'incidente mortale verrà processato per omicidio colposo (involontario) con pene più severe di prima: è previsto in un disegno di legge. Idea utile contro i guidatori di ogni nazione: dall'italiano all'albanese fino al romeno. Tuttavia sarebbe stato meglio fare un decreto legge – effettivo da subito – con la trasformazione dell'omicidio da colposo a doloso (volontario). Eh sì, perché se uno beve troppo o si droga e poi guida, secondo me vuole uccidere. Sono omicidi intenzionali.

Ma serviranno a qualcosa le nuove leggi? Sì, Meglio tardi che mai. Occhio: siamo di fronte a una bomba a orologeria: vedi Beppe Grillo.

Di chi la colpa? Dei politici. È giusto accogliere chiunque abbia bisogno, cercando di dare sistemazioni dignitose. Invece, l'Italia è stracolma di clandestini cui i politici non hanno dato assistenza decente. Per capire come stanno le cose, basta girare per le vie delle città e fare due conti artigianali. Dico soltanto che, quasi sempre, quei poveri cristi venuti dal Nord Africa o dall'Est o da altrove sono

persone costrette a buttarsi fra le braccia della criminalità. E la violenza sale ovunque, anche nel traffico cittadino e delle autostrade.

http://dallapartedichiguida.blogosfere.it/2007/11/leggi-contro-gli-stranieri-pericolosi-in-auto-meglio-tardi-che-mai.html

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Parabrezza montato male: cosa succede in caso d’incidente?

Codice della Strada

Codice della Strada: attenti alle ‘bufale’ in rete

Bambini in auto rivolti all’indietro: in arrivo regole più rigide negli USA