Le novità del codice della strada in un opuscolo ad opera dell'ANVU

Ogni giorno leggiamo resoconti giornalistici su sinistri stradali con decessi.Ogni giorno si rimane quasi inermi chiedendosi se era possibile evitare spesso tragedie che distruggono intere...

26 agosto 2008 - 18:04

Ogni giorno leggiamo resoconti giornalistici su sinistri stradali con decessi.
Ogni giorno si rimane quasi inermi chiedendosi se era possibile evitare spesso tragedie che distruggono intere famiglie, così come ci si lamenta della poca sicurezza delle strade che percorriamo e della carenza dei controlli da parte delle forze di Polizia, finalizzati al rispetto delle regole.
Quando i controlli ci sono, vengono fuori le carenze informative e l'ignoranza da parte degli utenti della strada, sulle sempre più frequenti modifiche al codice della strada.
È così che è stato presentato un opuscolo informativo, realizzato da Gaetano Barione, Segretario Nazionale ANVU e Responsabile Regione Puglia, con cui si vuole portare in sintesi un semplice contributo per chiarire ed informare quanto introdotto dalla Legge n. 160 del 02 Ottobre 2007 e soprattutto dalla recentissima Legge n.125 andata in vigore dal 26 Luglio 2008.

Presenti varie norme del nuovo codice: l'autista che provoca un incidente stradale gravemente ubriaco o drogato sarà sempre sottoposto alla confisca del proprio veicolo, e la stessa gravosa penalità è prevista in caso di rifiuto di sottoporsi ai controlli di polizia per la verifica dell'eventuale alterazione. In ogni caso anche dichiarare false generalità agli organi di vigilanza diventa penalmente rilevante con possibilità di arresto facoltativo in flagranza.

L'opuscolo, aggiornato al 26 luglio 2008, contiene le ultime novità al codice della strada, come le limitazioni alla guida (art. 117 del C.d.S.):
Guida di motocicli con patente “A”:
Per i primi 2 anni, non si possono guidare motocicli che superano i limiti:
• potenza effettiva: 25 Kw (riportata sulla carta di circolazione)
• potenza specifica: 0,16 Kw/kg
calcolata dividendo la potenza in Kw per la tara (espressa in kg).
Esempi:
– veicolo di 22,8 kw e di 90 kg: potenza specifica 22, 8/90 = 0,253 kw/kg NON può essere guidato;
– veicolo di 22,8 kw e di 145 kg: potenza specifica 22,8/145 = 0,157 kw/kg PUO' essere guidato.
Guida di autoveicoli con patente “B”:
Per i primi 3 anni, non si possono guidare autoveicoli che superano i limiti:
• (PS) potenza specifica: 50 Kw/t
calcolata dividendo la potenza in Kw per la tara (espressa in tonnellate). non si
applica ai veicoli adibiti al servizio di persone invalide
Esempi:
– veicolo di 46 kw e di massa 900 kg – p. s. (PS) 46/0,9 = 51,1 kw/t NON può essere guidato;
veicolo di 70 kw e di 1500 kg – potenza specifica (PS) 70/1,5 = 46,6 kw/t PUO' essere guidato.

Elencate le sanzioni previste per chi supera i limiti di velocità, oppure guida un motociclo o un ciclomotore trasportando anche bambini (cosa di cui è fatto assolutamente divieto) , o usa il telefono cellulare alla guida (ad esempio, per chi utilizza impropriamente il telefono cellulare durante la guida, è passibile di una sanzione da Euro 148,00 a Euro 594,00 e decurtazione di 5 punti-patente).

Presenti anche tabelle che indicano gli effetti dell'uso di alcol e di sostanze stupefacenti per chi si mette alla guida, con le tipologie di sanzioni previste e anche le indicazioni sul comportamento in caso di incidente, per il trasporto in auto dei bambini e quelle per i parcheggi rosa per le donne in gravidanza; le aree di sosta infatti sono gratuite e sono riservate alle donne in gravidanza e per le puerpere fino ad un anno dal parto, situate in prossimità delle strutture di analisi e cura (ospedale, distretti socio-sanitari, consultori) o nelle vicinanze di centri commerciali. I parcheggi rosa della città sono facilmente riconoscibili grazie a una superficie rosa e ad un'apposita segnaletica verticale.

Fonte

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

E-fuel insufficienti: copriranno il 2% delle auto ICE nel 2035

Telepass per pagare il Traghetto Stretto di Messina: come funziona?

San Gottardo: non siamo pronti agli incendi di camion elettrici