L'auto a noleggio ha la revisione scaduta. Chi paga la multa?

L'auto a noleggio per stare tranquilli, ma il guidatore ha più responsabilità di quanto si crede. Ecco i documenti da controllare per essere in regola

13 marzo 2015 - 11:00

Prendere un veicolo a noleggio, appena giunti in una località di vacanza o di lavoro, risulta sempre economicamente conveniente, in quanto evita i costi e i rischi del trasporto pubblico, associando la comodità di essere indipendenti con un autoveicolo a propria disposizione. Ma anche i veicoli presi a noleggio devono rispettare le regole previste dal codice della strada. E le difficoltà maggiori nascono quando, alla guida di un veicolo preso per pochi giorni, ci si imbatte in un controllo da parte degli organi di polizia stradale. Se i documenti non sono in regola come bisogna comportarsi?

DOVE SONO I DOCUMENTI DELL'AUTO? – Alla celeberrima richiesta, “Buongiorno, mi esibisce patente e libretto?”, spesso si va in crisi se non si conosce dove siano tenuti i documenti del veicolo. Innanzitutto, anche sui veicoli a noleggio devono essere presenti, con alcune particolarità, la carta di circolazione del veicolo (il cosiddetto libretto) e la documentazione assicurativa, cioè il contrassegno (tagliando assicurativo),  che deve essere esposto sulla parte anteriore del veicolo, o sul vetro parabrezza, mentre il certificato assicurativo (quello che contiene anche la carta verde, tanto per intenderci), deve essere sempre all'interno del veicolo, perché è solo da tale documento che si legge il numero di polizza assicurativa e il nome del contraente. Per quanto riguarda, in particolare, il tagliando assicurativo da esporre, esso, come detto, deve trovarsi o sul parabrezza, come di solito accade, o comunque sulla parte anteriore del veicolo. I contrassegni attaccati sui vetri delle portiere posteriori non sono regolari e si rischia una sanzione amministrativa pari a 24 euro (vedi articolo 181 del Cds). Veniamo alla carta di circolazione: il codice della strada, per i veicoli adibiti a locazione senza conducente, prescrive che possano essere accompagnati da fotocopia autenticata dal proprietario del medesimo con sua sottoscrizione, del documento di circolazione, in luogo del documento originale.

IL LIBRETTO ANCHE IN COPIA, PURCHE' AUTENTICATA – Innanzitutto va chiarito, quindi, che nessuna sanzione potrà essere comminata per il fatto di non avere il libretto in originale. L'unica sanzione che si rischia è quella relativa alla fotocopia del documento non autenticata dal proprietario del veicolo. Il consiglio è quello di verificare, appena preso possesso del veicolo, che la fotocopia della carta di circolazione sia sempre presente sul veicolo e sia debitamente sottoscritta dal suo proprietario, che ne attesta la conformità all'originale. Dalla carta di circolazione (o copia autenticata), gli organi di polizia stradale possono verificare, tra l'altro, anche l'ottemperanza all'obbligo di sottoporre il veicolo a revisione periodica. Per i veicoli presi a noleggio, nulla cambia per quanto riguarda i tempi di revisione: gli autoveicoli sono obbligati a presentarsi al controllo al quarto danno dalla data di prima immatricolazione, e successivamente, ogni due anni dal mese di ultima revisione. E' ovviamente onere del proprietario del veicolo (la società di noleggio, in tal caso) tenere aggiornata la fotocopia autenticata del documento di circolazione sul veicolo, ogniqualvolta si effettui una nuova formalità, compresa la revisione, al fine di consentire agli organi di polizia un controllo completo direttamente su strada, evitando, così, di richiedere integrazioni di documenti o informazioni d'ufficio. Ma se al controllo degli organi di polizia stradale, risulta che il veicolo, preso a noleggio da un ignaro conducente, non è revisionato, chi ne risponde?

LA MULTA AL LOCATARIO – Il codice della strada prevede che a rispondere delle violazioni amministrative sia, innanzitutto, il trasgressore, cioè il conducente del veicolo che ha commesso l'infrazione. Insieme al conducente è chiamato in causa anche il proprietario del veicolo, o altro soggetto, specificatamente individuato, che abbia un collegamento diretto con il veicolo stesso. Per quanto riguarda la locazione senza conducente, il codice della strada prevede che unitamente al trasgressore, risponda delle violazioni il locatario, cioè colui che ha preso a noleggio il veicolo, che di solito corrisponde allo stesso conducente. Quindi, nel caso in cui si accertasse la circolazione con veicolo preso a noleggio senza la prescritta revisione, della violazione ne risponde il conducente del veicolo, in qualità di trasgressore, e il locatario, cioè colui che ha preso a noleggio il veicolo, sottoscrivendone il contratto, in qualità di obbligato in solido per il pagamento della sanzione. Insomma, la società di noleggio, proprietaria del veicolo, non risponde della violazione, a meno che, ovviamente, si tratti di violazioni riguardanti attività che devono essere svolte direttamente dalla società di noleggio. Comunque resta la possibilità, per chi prende il veicolo in locazione, di avviare un'azione di rivalsa, nel caso la responsabilità per la violazione dipenda esclusivamente da una omissione della società di noleggio.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Safety Days 2022

Safety Days 2022: zero vittime della strada in 12 Paesi UE

Targhe estere UE boccia il divieto

Targa personalizzata auto: si può avere in Italia?

Offerte auto con rottamazione

Offerte auto con rottamazione: ottobre 2022