[Land Rover Discovery 4] Di Teodoro Abramo

[Land Rover Discovery 4] Di Teodoro Abramo

L'incidente è avvenuto in zona urbana, in un incrocio regolato da semaforo contro una “Betoniera-Iveco Magirus” che, al momento dell'incidente, girava a sinistra mentre la Land Rover marciava diritta nella propria corsia.Nessun airbag degli otto presenti sulla Land Rover è intervenuto. Il conducente ha riportato le seguenti lesioni: trauma cranico, contusione del rachide cervicale e […]

1 Giugno 2012 - 01:06

L'incidente è avvenuto in zona urbana, in un incrocio regolato da semaforo contro una “Betoniera-Iveco Magirus” che, al momento dell'incidente, girava a sinistra mentre la Land Rover marciava diritta nella propria corsia.Nessun airbag degli otto presenti sulla Land Rover è intervenuto.

Il conducente ha riportato le seguenti lesioni: trauma cranico, contusione del rachide cervicale e dorsale, dell'emitorace e della spalla sx con ferita l-c ed escoriazioni multiple.

Secondo i dati del computer di bordo del Land Rover risulta che al momento dell'impatto il veicolo viaggiava ad una velocità di 16 km/h. A giudicare dai danni subiti ritengo che ci possa essere qualche anomalia.

Abramo Di Teodoro

 

Risponde Bruno Pellegrini, l'esperto di SicurAUTO.it

L’urto subito dalla vettura del Sig. Di Teodoro è di tipo laterale ed ha interessato la fiancata anteriore sinistra.

Poiché la parte frontale del veicolo appare integra, si presuppone che non vi siano stati urti frontali successivi all’urto laterale sin. In tali condizioni, gli airbag frontali non devono attivarsi.

Ne consegue che gli airbag potenzialmente coinvolti in questa tipologia di impatto sono esclusivamente quelli laterali lato guida (airbag a tendina + airbag laterale). L’airbag a tendina, a protezione della testa, è inserito all’interno del rivestimento laterale sottotetto, mentre il laterale, a protezione del torace, è inserito nel fianco dello schienale del sedile o nel pannello porta.  Nel caso specifico, la parte di fiancata più danneggiata è il parafango anteriore sx. ma anche il montante anteriore sx. appare notevolmente deformato. Meno danneggiato risulta invece lo sportello ant. sx. sotto la linea di cintura. Dal tipo di danno si può desumere che l’angolo d’impatto della betoniera con la Land Rover sia stato superiore ai 30° rispetto all’asse trasversale del veicolo investito. Inoltre, l’altezza della betoniera ha provocato una forte deformazione della zona montante ant. sx. con relativa rottura del parabrezza e deformazione dell’angolo ant. sx. del tetto. I rilievi che Polstrada o vigili avranno effettuato sul posto subito dopo l’incidente, potranno meglio chiarire l’esatta dinamica del sinistro. Il notevole angolo d’impatto rispetto all’asse trasversale del veicolo investito, ha distribuito la decelerazione su una superficie abbastanza estesa, riducendone il valore medio, fermo restando che la decelerazione istantanea potrebbe essere non trascurabile. D’altra parte, è indubbio che le lesioni fisiche riportate dal guidatore della Land Rover si sarebbero potute evitare (o quanto meno limitare notevolmente) se si fossero attivati i 2 airbag laterali. In buona sostanza, ci troviamo di fronte al classico caso, assai frequente, in cui la logica di taratura dei sensori airbag prescelta per il tipo di vettura in questione, ha valutato il tipo di urto come una situazione di “no fire” (non attivazione degli airbag), mentre in realtà l’entità dei danni al veicolo e soprattutto le lesioni subite dal conducente, farebbero ritenere che l’attivazione degli airbag sarebbe stata quanto mai opportuna.

Giova ricordare che i sensori laterali (in genere uno per fiancata) sono posizionati nel montante centrale o negli sportelli (più raramente ai lati del pianale).

Purtroppo le Case automobilistiche non dichiarano i valori di taratura dei sistemi airbag, valori che cambiano in funzione della tipologia di vettura. 

Commenta con la tua opinione

X