L'Active Park Assist di Ford aiuta 100 mila automobilisti

La Ford ha ottenuto grandi risultati grazie al suo Active Park Assist che agevola gli automobilisti in fase di parcheggio

14 febbraio 2012 - 10:00

Parcheggiare, per alcuni, è davvero stressante. L'ansia di rigare la macchina o di bloccare il traffico per ore può rendere il tutto piuttosto complicato, soprattutto quando si parla di parcheggi in parallelo. Di certo questo disagio ha permesso a Ford di ottenere grandi successi grazie al suo Active Park Assist, ovvero il dispositivo che parcheggia autonomamente l'auto. 

PRODUZIONE TRIPLICATA – Il numero di ordini dell'Active Park Assist è salito a 102.460 in soli due anni. Ford ha infatti già triplicato la produzione di questo sistema di parcheggio semiautomatico che inizialmente era stato previsto, nel 2010, per C-MAX e C-MAX7. Dal 2011 invece è stato installato a bordo della nuova Focus

PEGGIO DEL DENTISTA – “L'Active Park Assist di Ford elimina una delle principali fonti di stress alla guida – ha dichiarato l'ingegnere Ford, Kay Müller -. Alla semplice pressione di un pulsante, permette di parcheggiare, anche in spazi ristretti, riducendo i rischi di piccoli danni alla propria vettura e ai veicoli circostanti”. Sembrerebbe, infatti, secondo quanto riscontrato da Ford, che un terzo dei guidatori europei abbia “paura” del parcheggio in parallelo e che lo consideri addirittura più stressante di un colloquio di lavoro o di una visita dal dentista.

COME FUNZIONA – Ma vediamo come funziona questo grande amico degli automobilisti. Innanzitutto bisogna premettere che l'Active Park Assist può essere disattivato in qualsiasi momento, anche semplicemente prendendo controllo del volante. Per attivare il sistema, basta premere il pulsante dedicato che attiva immediatamente i vari sensori ad ultrasuoni che sono in grado di misurare lo spazio disponibile ai lati del veicolo. Una volta che il parcheggio è stato individuato, il sistema, prima di iniziare con le manovre, chiede conferma al guidatore. A quel punto prende controllo del volante che ruoterà autonomamente. Attraverso il display presente nel veicolo, l'Active Park Assist chiede all'automobilista di cambiare le marce (la prima, se deve andare in avanti, o la retro, se, per essere parcheggiata, l'auto ha bisogno di muoversi all'indietro) e di accelerare/frenare. In poche manovre, l'auto è parcheggiata. Il sistema è talmente affidabile, secondo Ford, che è stato messo alla prova su un grattacielo. Non ci credete? Guardate il secondo video….

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Sciopero 10 ottobre 2022

Sciopero 10 ottobre 2022 trasporto pubblico: orari e fasce garantite

Giovani al volante: perché non rispettano le regole?

Preventivass: l’agente non deve usarlo se l’ha già fatto il cliente