La strategia Renault-Nissan per l'India

Il Gruppo Renault-Nissan vuole aumentare le vendite in india, con nuovi modelli

17 luglio 2013 - 12:53

Il Presidente Direttore Generale Carlos Ghosn ha confermato oggi che il Gruppo Renault-Nissan svilupperà nuovi veicoli per le esigenze di una nuova generazione di clienti nei paesi con il più alto tasso di crescita economica al mondo. Parte così un programma totalmente inedito, elaborato congiuntamente da Renault e Nissan sin dalle prime fasi concettuali, riguardante la categoria di veicoli più economica ed è incentrato sull'architettura modulare CMF-A. L'approccio CMF definisce una famiglia di veicoli fabbricati assemblando “grandi moduli” tra loro compatibili: blocco motore, abitacolo, sottoscocca anteriore, sottoscocca posteriore e sistema elettrico/elettronico.

I GRANDI MODULI – Il principio dei grandi moduli permette di ottenere molteplici combinazioni per ottimizzare l'efficacia e sottolineare la differenziazione tra i vari brand. La produzione dei veicoli basati sulla piattaforma CMF-A inizierà nel 2015 nello stabilimento di Chennai in India, che ospita la più grande fabbrica del Gruppo Renault-Nissan. Aperta nel 2010, oggi produce i modelli Renault Pulse, Scala e Duster, Nissan Micra, Sunny ed Evalia e ha una capacità produttiva annua di 400.000 unità. Qui si possono fabbricare fino a otto diverse scocche su quattro piattaforme distinte.

LO STABILIMENTO DI CHENNAI – L'assemblaggio dei sottogruppi e l'avanzamento dei pezzi lungo la catena di montaggio sono totalmente flessibili. Paraurti e parti plastiche stampate vengono prodotti sul posto per ottimizzare i processi; la catena di montaggio vanta una configurazione logistica altamente efficiente. Il sistema di indirizzamento del 100% dei kit in stretta prossimità della linea di produzione riduce gli spostamenti inutili degli operai per montare i diversi elementi. Il complesso di Chennai sfrutta i processi di produzione dell'industria automobilistica basati sul principio del monozukuri, che Nissan ha messo a punto nei suoi stabilimenti di Oppama in Giappone e Sunderland nel Regno Unito. A Chennai ha sede anche il Renault Nissan Technology Business Center, un polo ingegneristico e una fucina di innovazione al servizio dell'Alleanza Renault-Nissan.

LA CRESCITA DELL'INDIA – Renault sta registrando una netta crescita in India, dove in meno di 18 mesi ha lanciato cinque nuovi veicoli e conta già oltre 100 concessionarie in India; le vendite hanno superato il tetto delle 35.000 unità nel 2012, con un incremento del 24% rispetto all'anno precedente. Nissan ha venduto quasi 37.000 veicoli nel 2012 e prosegue energicamente la sua offensiva. Di qui al 2016 lancerà 10 nuovi modelli in India, tra cui l'inedito SUV di alta gamma Terrano nella seconda metà di quest'anno e la prima auto a marchio Datsun. 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Move-In Emilia Romagna

Move-In Emilia Romagna: come funziona dal 1° gennaio 2023

Traffico 10 e 11 dicembre 2022: previsioni rientro dal Ponte

Conseguire la patente: un lavoro in team