La sicurezza stradale va in scena grazie a Panariello

Panariello e la Polizia di Stato in prima serata commentano i rischi della distrazione alla guida

23 marzo 2012 - 10:35

La televisione non è sempre e solo cattiva maestra. A volte, anche se raramente, cerca di trasmettere messaggi formativi che possono realmente far riflettere i telespettatori. È il caso del momento televisivo che si è tenuto all'interno della trasmissione di Giorgio Panariello, in onda il lunedì in prima serata su Canale 5.

IL COMICO E LA SICUREZZA – In occasione della sua trasmissione Panariello non esiste, il comico e attore ha mostrato al pubblico un video dal forte impatto visivo ed emotivo che racconta la tragedia che ha colpito due ragazzi i quali, troppo stanchi o ubriachi, per un colpo di sonno o per distrazione si sono schiantati contro uno spartitraffico autostradale ponendo la parola 'fine' alla loro vita.

STRAGI DEL SABATO SERA – Le chiamiamo ancora “Stragi del sabato sera”, ma incidenti stradali del genere, dovuti all'alcol o alla stancheza, si verificano ogni giorno e ogni notte della settimana. Lo sanno bene gli agenti della Polizia di Stato che, in prima linea, combattono questa tragica realtà che vede numerosissimi giovani coinvolti. Proprio a loro si rivolgono gli agenti tentando di far pervenire un messaggio: “divertirsi in discoteca sì, ma attenti alla guida dopo, quando si torna a casa”.

IL MESSAGGIO DELLA TV – Dal canto suo, anche lo showman ha un messaggio preciso risolto ai giovani: “Quando la notte vi corre incontro troppo in fretta, rallentate e aspettate che vi raggiunga il giorno”.

I PARTECIPANTI – Alla serata, dedicata ai giovani, alle nuove generazioni e ai nuovi linguaggi, hanno dato il loro contributo anche Claudio Baglioni, Massimo Ghini, Massimo Ranieri, Rocco Papaleo, Martina Stella, Alessio Vinci e Giuliano Sangiorgi, la voce dei Negramaro. Per la Polizia di Stato c'erano Maurizio Masciopinto, direttore dell'Ufficio relazioni esterne, e la responsabile dei 12 mila uomini e donne della polizia stradale, Maria Luisa Pellizzari. Masciopinto ha ringraziato immediatamente Giorgio Panariello per la sensibilità che sempre dimostra nei confronti dei giovani, e ha rilanciato. 

UN PROGETTO DA SOSTENERE – I giovani e la sicurezza stradale sono stati dunque i protagonisti della trasmissione che ha appoggiato anche il progetto “Alta specializzazione nella ricerca e nella riabilitazione” che, grazie alla “Fondazione Montecatone” di Imola, si occupa di sostenere chi ha subìto un grave incidente stradale attraverso percorsi idonei di cura e trattamento delle lesioni midollari e celebrali. Se anche voi volete contribuire, basta offrire un contributo visitando il sito di Mediafriends onlus.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cassazione riconsegna auto difettosa

Cassazione: riconsegna auto difettosa, va valutata la perdita di valore

Un minorenne può guidare l'auto per stato di necessità

Un minorenne può guidare l’auto per stato di necessità?

Chiamata di emergenza eCall: i sistemi di serie rallentano i soccorsi