La sicurezza della Dr5 sotto i riflettori di 'Mi manda Rai 3'

Una delle recenti puntate della trasmissione di Mi manda Rai 3 ha avuto come oggetto della sezione "Disservizi" il tanto discusso SUV italiano. Scopriamo cosà è emerso.

11 aprile 2010 - 20:41

Una delle recenti puntate della trasmissione di Mi manda Rai 3 ha avuto come oggetto della sezione “Disservizi” il tanto discusso SUV italiano (almeno così lo pubblicizza la casa madre…) nonché il Dr5.

Dalla puntata (visibile qui) è emerso un quadro davvero preoccupante. Clienti con problemi di varia natura: fari che prendono umidità, pezzi del paraurti che si staccano, sedile guida che non si alza e abbassa più, sportelli che si aprono a fatica, etc. Insomma già a sentire le prime lamentele c'è da mettersi le mani ai capelli.

Tuttavia quello ci preoccupa è l'affidabilità generale di quest'auto che non solo pone numerosi interrogativi sulla sua sicurezza in caso d'incidente (vedi crash test della gemella cinese) ma ci sono altri dettagli non da poco.

I consumatori presenti nello studio del dott. Vianello hanno raccontato di situazioni davvero rischiose. Ad una cliente la frizione, cambiata già a meno di un anno dall'immatricolazione, si è bloccata in piena discesa facendogli prendere un bello spavento! Un altro cliente ha visto staccarsi le guaine dei tergicristalli dopo pochi mesi dall'acquisto, situazione pericolosa se dovesse accadere durante un viaggio sotto la pioggia. Il giornalista di Quattoruote Bellati (a dir la verità sin troppo diplomatico), intervenuto per raccontare altre lamentele ricevute dai loro lettori, ha raccontato di un altro fenomeno pericoloso: il blocco del cambio che potrebbe avvenire dopo un lungo spostamento. A quanto pare le “corde” che collegano il cambio al motore sono inserite all'interno di guaine che, passando troppo vicine al catalizzatore, tendono a fondersi e quindi a bloccare lo scorrimento del comando. La Dr è già corsa ai ripari ma a quanto pare il correttivo utilizzato (una protezione che dovrebbe isolare le guaine) non risulta essere efficace.

Oltre ai problemi di sicurezza ed efficienza la Dr sembra peccare anche in assistenza al cliente. E' già noto da anni il Blog curato da un cliente imbufalito che ha visto l'auto del padre finire troppe volte in officina. A leggere le pagine del blog sembra proprio che la Dr con questo cliente si è comportata davvero male. Pertanto non ci stupiamo quando in studio i clienti lamentano la totale assenza di cura del cliente da parte della Dr. Viene da pensare invece quando Massimo Di Tore, responsabile marketing della Dr, dichiara che <<il cliente è al centro della nostra attenzione>>, menomale! Nemmeno avevano risposto alla lettera di un legale di Federconsumatori, secondo voi rispondono sempre a tutti i clienti?

Peccato solo che l'eccessiva rapidità con cui, a volte, Mi manda Rai 3 tratta i casi non ha permesso di capire cosa farà la Dr per i clienti intervenuti in studio. A dir la verità il responsabile marketing si è perso in eccessive premesse che non hanno di certo aiutato l'azienda ad uscire bene dalla vicenda. Parlare di 6000 auto vendute non è sicuramente un vanto. Perché se così poche auto vendute hanno prodotto un così elevato numero di clienti insoddisfatti c'è poco di cui vantarsi. Tra le righe sembra che la Dr sia disposta persino ad arrivare alla restituzione del denaro (bisogna capire quanto però, vedi qui), ma c'è il rischio che si basino sul valore attuale del veicolo.

A noi non resta che segnalarvi la prova di Quattroruote di alcuni mesi fa dove la Dr1, oggetto della prova di frenata, ha fatto registrare la piegatura del pedale del freno. Se è bastata una semplice prova di frenata (ripetuta) a mettere in crisi il pedale nuovo c'è da chiedersi quali standard qualitativi siano stati scelti in casa Dr e quali garanzie offre il Ministero ai clienti che comprano un'auto regolarmente omologata.

Crediamo che da un'azienda italiana, ma finanziata anche con denaro pubblico, che importa auto cinesi successivamente assemblate in Italia bisognerebbe aspettarsi di meglio. Saremo felici di parlarvi bene della Dr qualora le cose dovessero cambiare, staremo a vedere.

1 commento

francobiga
23:11, 21 aprile 2010

Ora che finalmente la Dr ha esordito nel suo primo programma televisivo in negativo vorrei esprimere un commento. Conosco bene la Dr5 con tutti i suoi tanti difetti ma credetemi che a confronto dell'altro suv della Dr Motor che si chiama Katay Gonow, la Dr5 è un gioiello.
Ho acquistato la Katai nel 2008 l'ho pagata 19.800 eu. in un anno e mezzo l'ho usata solo qualche mese saltuariamente xchè era sempre in officina. Fino al giorno in cui mi sono reso conto che andandoci a giro rischiavo la vita. Cadeva a pezzi di giorno in giorno.Mi è scoppiata la pompa dell'acqua mentre viaggiavo e mi è arrivato nel viso liquido bollente dalle bocchette dell'aria. L'ho venduta con tanta fatica con soli 10.000 km a 4.500 eu. Tutti coloro che l'hanno comprata hanno fatto come me, l'hanno dovuta svendere dopo poco tempo. Documentatevi.
Quando ho cercato di contattare la Dr.motor direttamente, non riuscendo ad ottenere nulla dalla concessionaria, mi hanno ignorato totalmente. Però quando scritto della mia vicenda su internet mi hanno fatto scrivere dal loro legale intimandomi una denuncia se non avessi smesso di farlo. Così si è comportata con me la Dr Motor.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Gli italiani fanno meno km degli altri automobilisti in Europa

Metano auto

Metano auto: aumento del contributo gestione bombole dal 1° ottobre

Come guadagnare un reddito extra dal proprio garage