La riparazione? Sempre meglio con ricambi originali

Lo sostiene il TCS che ha confrontato il prezzo dei principali pezzi di ricambio auto. Gli originali costano di più, ma offrono più qualità

24 gennaio 2014 - 7:00

Il Touring Club Svizzero ha analizzato la possibilità di riparare un'auto danneggiata da un lieve tamponamento impiegando dei ricambi originali della Casa costruttrice, acquistati da un grossista o su internet. Per quanto possa sedurre un risparmio che arriva anche al 75% per un parafango, molto spesso è la manodopera che pesa di più sui costi di riparazione e il vantaggio dei ricambi economici si rivela solo un miraggio.

COSTA QUANTO VALE E A VOLTE ANCHE DI PIU' – Per analizzare la reale convenienza di una riparazione il TCS ha messo a confronto 5 auto medie, una VW Golf VI, una Ford Focus, un'Opel Astra, una Peugeot 308 e una Toyota Auris, tutte con faro e parafango da sostituire. Il risultato ottenuto non è poi così prevedibile, visto che a volte i ricambi sono più convenienti presso la rete ufficiale della Casa costruttrice che presso un rivenditore. Non è raro, visti i tempi che corrono, chiedere al carrozziere di riparare l'auto con ricambi compatibili per strappare un prezzo migliore, scoprendo poi, a conti fatti e lavoro ultimato, che il gioco non è valso la candela. I tecnici svizzeri hanno tentando la strada del risparmio scoprendo che per quanto sia possibile spuntarla sui ricambi, l'elevato costo della manodopera rende vano il tentativo di spaccare il centesimo. Nella stragrande maggioranza dei casi, infatti, i pannelli metallici della carrozzeria bilanciano un prezzo concorrenziale con forme imperfette e non corrispondenti al pezzo originale e già questo costringe il carrozziere a lavorarci più tempo per allinearli meglio al resto della carrozzeria, tempo comunque quantificato sulle ore di lavoro. Poi c'è da considerare lo spessore inferiore delle lamiere e il blando trattamento anticorrosione, particolari che espongono il nuovo ricambio economico a una vita più breve e a piegarsi molto più facilmente se, chiacchierando fuori al bar, qualcuno si accomoda sulla vostra auto.

NIENTE SCONTO SULLA MANODOPERA – Considerando i prezzi proposti dai negozi sul web, i tecnici svizzeri sono riusciti ad ottenere un risparmio del 75% sul parafango dell'Opel Astra (37.40 euro) e del 60% sul faro della Peugeot 308 (156 euro) rispetto ai ricambi originali provenienti dalle reti di distribuzione ufficiali della Casa. Rivolgersi ai grossisti specializzati nei ricambi d'auto riserva sconti inferiori ma anche il rischio di sbagliare acquisto è più basso: il prezzo migliore per il parafango della Ford Focus ha un vantaggio del 20% mentre quello del parafango dell'Opel Astra sale al 30%. Nonostante questo se non si hanno le giuste conoscenze si rischia di pagare su internet o in un negozio un prezzo più alto per un ricambio più scadente di quanto si pagherebbe quello originale. Una volta comprato il ricambio si va in officina per montarlo, e qui bisogna mandar giù un boccone salato. Se infatti il montaggio di un faro oscilla tra 49 euro (per la Focus) e 130 euro (per la Golf) con una tariffa di 117.8 euro/h dell'officina meccanica (che consente un ragionevole confronto di costi e risparmio), per sostituire un parafango la scelta del ricambio economico si rivela del tutto ingiustificata. La manodopera (a 127.53 euro/h) richiesta per verniciare e montare il parafango oscilla tra 1031 euro (della Ford Focus) e 1283 euro (della Toyota Auris) e non diminuisce se si compra un ricambio originale o uno economico.

SE L'AUTO E' VECCHIA? – Le valutazioni fatte pocanzi sono ragionevolmente riferite alla riparazione di auto con solo qualche anno alle spalle, per le quali vale la pena spendere poche decine di euro in più e assicurarsi che l'auto torni sicura ed efficiente ma soprattutto priva di vibrazioni e accoppiamenti imperfetti dei ricambi economici. Fermo restando che a prescindere dall'età e dall'usura, quando c'è di mezzo la sicurezza di guida (vedi freni, ammortizzatori, tiranteria, airbag richiusi, pretensionatori, scocca) è sempre meglio demolire un'auto che richiede una riparazione antieconomica a un prezzo superiore del valore reale di mercato del veicolo, preferendo un buon usato, piuttosto che rimanere incastrati in un'auto riparata male come si vede in questo video.

1 commento

Gaetano
9:09, 24 gennaio 2014

Salve sono un ricambista che vendo sia materiale originale che di concorrenza di carrozzeria, mi è capitato spesso di vedere pezzi di concorrenza migliori di quelli originali. Ma peggio ancora mi è capitato vedere pezzi originali spacciati per concorrenza e viceversa

POTRESTI ESSERTI PERSO:

giovane donna auto

Giovani al volante: il 38% muore in auto poco sicure

Rientri dall’estero e Coronavirus: le ordinanze per Regione di agosto 2020

Auto bloccata in un passaggio a livello

Aggiornamento Waze 2020: più sicurezza ai passaggi a livello