1 commento

Bruno
10:40, 2 febbraio 2016

(risponde l'autore dell'articolo)

Egregio Sig. Di Lello,
La ringrazio anzitutto per il suo commento. Ricordo bene il suo caso trattato anche da SicurAUTO.it a suo tempo. Mi colpì negativamente la fantasiosa tesi della Casa che attribuiva la causa dell'incendio al mozzicone di sigaretta infiltratasi nel sistema di aspirazione. Di fronte a queste assurde motivazioni, la causa non poteva che essere a Lei favorevole. Concordo pienamente che è molto difficile nel nostro Paese far valere i diritti del consumatore, soprattutto a causa della giustizia estremamente lenta e inefficiente. E le Case lo sanno perfettamente, quindi è un'arma indiretta a loro favore.
Grazie per l'attenzione.
Bruno Pellegrini