Jeep Grand Cherokee, premium SUV all'americana

La Grand Cherokee si rinnova e porta Jeep nell'olimpo delle Premium-SUV

15 maggio 2013 - 17:16

La prima Jeep Grand Cherokee nacque nel 1992, come risposta americana alla Range Rover, per incarnare al più alto livello i valori tradizionali del marchio Jeep, come la mobilità in fuoristrada, la qualità costruttiva, il comfort e la potenza. Oggi, dopo circa 5 milioni di unità vendute nel mondo, la Jeep Grand Cherokee si evolve con un nuovo design degli esterni e degli interni e nuovi contenuti tecnologici di ultima generazione. Se ne giovano anche le performance su strada e in fuoristrada, migliorate grazie al nuovo cambio automatico a otto rapporti che è di serie su tutta la gamma.

ARRIVA LO UCONNECT – Il nuovo design esterno ed interno caratterizza tutti gli allestimenti allo stesso modo come dimostrano i fari bi-xeno con luci diurne a LED, le nuove combinazioni di colori per abitacolo e carrozzeria e i nuovi cerchi in lega. Gli interni hanno ricevuto nuovi materiali come i rivestimenti in pelle Natura Plus e diversi tipi di legni pregiati. Tanti miglioramenti anche nell'infotainment di bordo che ora dispone del nuovo sistema di navigazione satellitare UConnect con schermo touchscreen da 8,4 pollici. Al centro del cruscotto si trova, invece, l'inedito quadro strumenti con schermo da 7″ TFT completamente personalizzabile dal guidatore.

TRE TRAZIONI INTEGRALI – Le performance in fuoristrada sono garantite da tre sistemi di trazione integrale, che si adattano a ogni tipo di utilizzo potenziale della vettura. Il primo sistema, Active Drive I, prevede la gestione totalmente automatica della coppia motrice. Il secondo step, Active Drive II, aggiunge il bloccaggio del differenziale centrale, così da ripartire la trazione al 50% davanti e al 50% dietro, e di selezionare le marce ridotte, con un rapporto di riduzione pari a 2,92:1. Infine c'è l'Active Drive Lock, che consente anche di bloccare il differenziale posteriore. Completano il quadro le sospensioni pneumatiche Quadra-Lift e i sistemi di gestione della trazione Selec-Terrain e Selec-Track.

ANCHE 3.0 V6 TURBODIESEL – La nuova Jeep Grand Cherokee è all'avanguardia anche nei sistemi di sicurezza attiva e passiva, come l'Adaptive Cruise Control, il nuovo Selec-Speed Control e il Forward Collision Warning con Crash Mitigation. Sarà commercializzata a partire da luglio in Italia e nei principali mercati europei, nelle versioni Limited, Overland, SRT e nell'esclusiva versione top di gamma Summit, novità assoluta per il mercato italiano. I motori disponibili saranno un 3.0 V6 turbodiesel da 250 CV e due unità plurifrazionate a benzina, i Pentastar V6 e V8 da 3.6 e 5.7 litri di cilindrata.
Il tester di SicurAUTO Pietro Cristino la sta provando in queste ore e a breve pubblicheremo le sue prime impressioni corredate di tutte le informazioni ufficiali. Restate sintonizzati…

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Green NCAP, il tool per misurare l’efficienza auto: come funziona

Test e-Fuel e Biodiesel: quanto diminuiscono le emissioni auto?

Eccesso di velocità: in Austria confisca del veicolo per chi corre