Italiani a ripetizione di “scuola guida”

La preparazione degli italiani sulle norme che regolano il codice della strada lascia molto a desiderare. La segnaletica stradale, questa sconosciuta. A pochi giorni dall'entrata in vigore del ...

25 agosto 2010 - 9:49

La preparazione degli italiani sulle norme che regolano il codice della strada lascia molto a desiderare

La segnaletica stradale, questa sconosciuta. A pochi giorni dall'entrata in vigore del nuovo codice della strada, che prevede l'esame della patente a chi commette tre infrazioni con la perdita di almeno cinque punti, Direct Line, compagnia di assicurazione auto on line, ha realizzato un'indagine per verificare la conoscenza degli italiani in materia, e il risultato non è stato dei più positivi. Un esempio? Il 42% degli intervistati non riconosce il cartello della precedenza a sensi unici alternati e il 41% non conosce il significato del segnale di divieto di fermata.

Per il 23% degli automobilisti italiani ci sono ancora problemi a riconoscere il segnale di diritto di precedenza e per il 18% quello che segnala un incrocio con obbligo di precedenza a destra. Ma la segnaletica non è l'unico dei problemi ai quali gli automobilisti italiani devono cercare di rimediare: anche in materia di limiti di velocità e manutenzione dell'auto gli automobilisti del bel Paese non sembrano particolarmente ferrati. L'80% degli intervistati ha ben presente che in città il limite è di 50 km/h. Il vero problema però è il restante 20%, tradotto in cifra 7milioni di automobilisti, che lo ignora, spesso anche quando guida.

Problemi anche con il sistema della patente a punti: l'11% degli automobilisti italiani non conosce il saldo punti della propria patente e il 42% non sa come verificarlo. Inoltre solo il 9% dichiara di conoscere il numero dei punti sottratti per le diverse infrazioni, il 14% conosce a quanto ammonta lo scalare dei punti esclusivamente per le infrazioni più gravi e il 51% solo per alcune.

Direct Line ha avuto conferma della scarsa conoscenza degli italiani sul codice della strada anche dall'applicazione sulla propria pagina facebook mediante la quale si può fare on line l'esame teorico della patente. Il test, accessibile a tutti, ha dato risultati a dir poco preoccupanti: l'86,5% degli utenti che hanno compilato il questionario infatti è stato “bocciato”. Solo il 13,5% è stato promosso, facendo un numero di errori inferiore a 3.

“La cultura dell'educazione stradale va promossa e divulgata sin da piccoli per evitare che sulle nostre strade ci sia poca teoria e ancora meno pratica – commenta Barbara Panzeri, direttore marketing di Direct Line – Accogliamo quindi con molto favore il nuovo codice della strada, che introduce dal prossimo anno scolastico la sicurezza stradale come materia d'insegnamento”.

fonte – lastampa.it

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

E-fuel insufficienti: copriranno il 2% delle auto ICE nel 2035

Telepass per pagare il Traghetto Stretto di Messina: come funziona?

San Gottardo: non siamo pronti agli incendi di camion elettrici