Ipt uguale per tutti. Basta differenze

Oggi le Regioni a statuto speciale pagano un'Ipt meno pesante rispetto a quelle a statuto ordinario: la Camera vuole eliminare questa discriminazione

15 dicembre 2011 - 17:19

In materia di Imposta provinciale di trascrizione, esiste una discriminazione tra le Regioni: tra quelle a statuto speciale pagano un'Ipt molto più leggera rispetti a quelle a statuto ordinario. Adesso, la Camera intende cancellare questa norma. Rincarando l'Ipt delle Regioni a statuto speciale.

COM'È OGGI – L'Ipt più cara è stata introdotta dal Decreto legislativo sul federalismo regionale della scorsa primavera; dopodiché, la manovra bis di Ferragosto ha confermato quel tipo di tassazione. Oggi, nelle Regioni a statuto ordinario, l'Ipt sulle auto di potenza superiore a 53 kW acquistate nelle concessionarie e nei saloni è proporzionale alla potenza (compresa, a seconda delle province, tra 3,51 e 4,56 €/kW). Invece, nelle Regioni a statuto speciale, l'Ipt è fissa e compresa, sempre a seconda delle Province, tra 151 e 196 euro.

COME SARÀ (FORSE) – La Camera ha presentato un maxiemendamento al Decreto “Salva Italia” che contiene una novità sull'Ipt: il testo modificato del Decreto passerà poi al Senato (vedremo se ci sarà l'ok definitvo e se il Decreto diverrà Legge). Dal 1° gennaio 2012, anche nelle Regioni a statuto speciale, l'Imposta provinciale di trascrizione sulle auto di potenza superiore a 53 kW acquistate nelle concessionarie e nei saloni sarà proporzionale alla potenza (compresa, a seconda delle province, tra 3,51 e 4,56 €/kW); e non più fissa e compresa tra 151 e 196 euro.

IL TESTO – La modifica della Camera riguarda gli Enti territoriali (articolo 28, commi 11-bis, 11-ter e 11-quater). Si punta alla “applicazione sull'intero territorio nazionale delle modifiche all'Ipt, introdotte dall'articolo 1, comma 12, del Dl 138/2011, che prevede la tassazione degli atti soggetti a Iva in misura modulata sulla base delle caratteristiche di potenza e portata dei veicoli soggetti ad immatricolazione”.

LA MAZZATA RESTA – La modifica della Camera ci trova concordi. Già di per sé l'Ipt è una tassa iniqua; è assurdo che ci siano automobilisti privilegiati sulla base della residenza. Per tutti, quindi, ci sarebbe il meccanismo previsto per le auto usate applicato anche a quelle nuove. Comunque, nulla cambia per chi vive in una Regione a statuto ordinaria: la mazzata ferragostana resta tale e quale. Dovrebbe così arrestarsi anche la fuga delle società di noleggio a lungo termine dalle Regioni a statuto ordinario verso quelle a statuto speciale: c'è chi sta pensando di trasferire da la propria sede legale per risparmiare sulle immatricolazioni del nuovo. Con Ipt inferiori, si parla di milioni di euro annui.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Gli italiani fanno meno km degli altri automobilisti in Europa

Metano auto

Metano auto: aumento del contributo gestione bombole dal 1° ottobre

Come guadagnare un reddito extra dal proprio garage