Incidente pullman in Svizzera: quei bambini si potevano salvare

Se tutti i passeggeri del pullman avessero indossato le apposite cinture di sicurezza, probabilmente i bambini deceduti sarebbero stati meno

14 marzo 2012 - 19:08

Le immagini dell'incidente che ha coinvolto un Pullman belga in Svizzera stanno facendo il giro del mondo. Sono immagini molto forti dalle quali, però, emerge un dettaglio: buona parte della struttura del pullman è rimasta integra. Ciò significa che parte dei passeggeri, se solo avessero usato le cinture di sicurezza (obbligatorie almeno sui pullman italiani), si sarebbe potuta salvare. E invece, quasi il 50% degli occupanti è deceduto.

ARGOMENTO GIA' TRATTATO – Già molto tempo fa avevamo trattato l'argomento autobus e sicurezza. Grazie al crash test del TCS sulle cinture di sicurezza a bordo degli autobus, vi avevamo dimostrato che anche sui pullman si rischia grosso. Personalmente uso SEMPRE la cintura anche sugli autobus (dopotutto sarebbe obbligatoria…) e non vi dico lo stupore della gente attorno a me. Ogni volta rispondo così: “viaggiare a 100 km/h su un'auto o un autobus è esattamente la stessa cosa. Sempre 28 metri al secondo sono!”. Quindi non si capisce perchè uno dovrebbe sentirsi esentato dalla cintura. Lo stesso ragionamento dovrebbe valere per i passeggeri del pullman in questione. Ovviamente lungi da me colpevolizzare qualcuno, ma sarebbe corretto aprire una riflessione che, come sempre, nessuno della stampa ha sollevato. Lo vogliamo capire che anche sui mezzi di trasporto extraurbani le cinture sono fondamentali per la nostra sicurezza? L'imprevisto è sempre in agguato, e non è sempre colpa delle infrastrutture se succedono incidenti gravi (le piazzole di sosta nelle gallerie mica possiamo abolirle…), a volte basterebbe un pizzico di amor proprio in più per non leggere certe tragedie. Se qualcuno lo avesse spiegato a quei bambini, molti di loro si sarebbero salvati…

1 commento

Luigi
11:21, 4 aprile 2012

Ciao io sono un autista di pullman da turismo e vi dico che la gente in Italia se gli dici che deve mettere le cinture ti guarda male, specialmente che ora facciamo gli studenti. Pero tante volte non do colpa hai studenti ma ai loro professori basta stare in stime nei primi posti lasciano fare quello che vogliono. La cosa molto importante che loro discutano dei loro problemi della scuola e basta, e se tu autista gli dici che devono rimanere seduti ti rispondono non fanno nulla di male. Il nostro è un lavoro un po' strano con certe persone che non vogliono capire

POTRESTI ESSERTI PERSO

I fari a LED adattivi fanno l’86% di luce in più ma negli USA sono illegali

Guida autonoma: faremo il doppio dei viaggi in auto secondo uno studio

Nuova Nissan Micra 2019: per l’Italia arriva la versione GPL