Incentivi auto: fumata bianca a Roma

Il vertice tra le associazioni dell'auto e il ministero dello Sviluppo Economico ha aperto uno spiraglio: a Roma valuteranno le proposte della filiera

18 maggio 2012 - 20:42

S'è chiuso con l'impegno a rivedersi in un incontro successivo il tavolo di confronto tra le associazioni di filiera dell'automobile (Federauto, Unrae e Anfia) e il ministero dello Sviluppo Economico. I vertici delle tre organizzazioni si sono incontrati oggi alle 15 a Roma non con il ministro Corrado Passera come SicurAUTO aveva riportato poche ore fa, ma con il sottosegretario al ministero, Claudio De Vincenti, e altri dirigenti del dicastero.

IL PIANO – La delegazione di filiera si è recata a Roma sia per informare il ministero sulle esatte proporzioni della crisi che sta interessando il mercato dell'auto, sia per illustrare il piano straordinario da loro stesse ideato che, stimolando l'acquisto di vetture nuove, potrebbe aiutare le concessionarie d'auto a risollevarsi e lo Stato ad aumentare il gettito fiscale derivante dalle vendite.

PORTE SEMI-APERTE – Il sottosegretario De Vincenti ha accolto i dirigenti delle tre associazioni riservandosi semplicemente di valutare tutte le proposte del piano e ha dato la disponibilità del ministero a un successivo incontro “per eventuali approfondimenti”. Il che equivale a una mezza apertura, nel senso che nonostante abbia già dichiarato che non sono previsti incentivi specifici per l'auto, il ministro Passera ha dato indicazioni ai suoi tecnici di manifestare disponibilità all'esame dei problemi del settore e dei rimedi proposti per risolverli. È già qualcosa.

HA PREVALSO IL BUON SENSO – In altre parole, esattamente come SicurAUTO aveva previsto in un articolo di oggi sul vertice, tra l'ipotesi di un assenso immediato a varare gli aiuti per l'auto e quella di una chiusura totale che avrebbe aumentato le irritazioni del settore, a Roma ha prevalso quella che implica buon senso: ministero e associazioni si sono detti “arrivederci”. La data del successivo incontro non è trapelata, ma il nostro auspicio è che si passi alla “fase due” con grande sollecitudine: ogni giorno che trascorre senza una decisione sull'opportunità o meno di varare le misure di sostegno per il settore costituisce un danno.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Quanto costa parcheggiare a Malpensa?

Green NCAP, il tool per misurare l’efficienza auto: come funziona

Test e-Fuel e Biodiesel: quanto diminuiscono le emissioni auto?