In Italia il 23% delle vittime in incidenti stradali sono motociclisti

In Italia il 23% delle vittime in incidenti stradali sono motociclisti In Italia

In Italia, su un totale di 4731 vittime della strada, il 23% sono motociclisti, in Europa i bikers hanno una probabilità significativamente superiore di incorrere in incidente rispetto ai...

27 Ottobre 2010 - 05:10

In Italia, su un totale di 4731 vittime della strada, il 23% sono motociclisti, in Europa i bikers hanno una probabilità significativamente superiore di incorrere in incidente rispetto ai colleghi su quattro ruote, tra il 1997 e il 2006 il trend dei decessi su strada ha subito un lieve decremento, eccezion fatta per i motociclisti che registrano un +13% (in particolare nel sud dell'Europa). Si può e si deve fare di più.

Il 3 novembre prossimo all'Eicma di Milano, l'amministratore delegato di DEKRA Italia Holding Marco Mauri presenterà alla Stampa il Rapporto DEKRA sulla sicurezza stradale in moto 2010. Il documento, raccolta di oltre un decennio di statistiche e studi, descrive minuziosamente lo stato dell'arte e offre spunti di riflessione su possibili sviluppi nell'ambito della sicurezza per i bikers; questa iniziativa rientra negli obiettivi descritti dalla “Carta europea sulla Sicurezza stradale” di cui DEKRA è firmataria.

Secondo gli esperti DEKRA tanto si può e si deve ancora fare per garantire maggiore sicurezza ai motociclisti. Alcuni consigli:
promuovere l'uso di abbigliamento di protezione, meglio se riflettenti, uso del casco integrale conforme al regolamento ECE R 22 e di protezioni toraciche e diffondere la cultura dell'airbag e dell'ABS di serie.

Uno studio DEKRA sulla ricerca e sulla simulazione degli incidenti, – conclude la nota – dimostra infatti che il 25-35% degli incidenti gravi, analizzati in Germania, poteva essere evitato se le moto fossero state dotate di ABS (combinando opportunamente ABS con un freno integrale o con un assistente tecnico di frenata si avrebbe addirittura un beneficio del 50-60%).

Altri argomenti caldi riguardano le infrastrutture, dal manto stradale ai guardrail e i difetti tecnici delle moto, corresponsabili degli incidenti stradali: il 23,6 % delle moto esaminate in Germania a seguito di incidenti tra il 2002 al 2009 presentava infatti
dei difetti, di cui il 33,9% causa determinante. Maggiori approfondimenti saranno forniti dopo l'incontro previsto al Salone di Milano.

L'incontro, cui presiederà l'on. Giuseppe Reina, Sottosegretario di Stato al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti,
prevede l'intervento del Direttore settore moto di Confindustria-ANCMA dott. Claudio De Viti, del responsabile della Scuola Superiore DEKRA per la sicurezza stradale Andrea Pullè, del prof. Gianpiero Mastinu, ordinario di costruzione di veicoli al Politecnico di Milano e la testimonianza dell'ex campione di motociclismo Marco Lucchinelli.

fonte – motoblog.it

Commenta con la tua opinione

X