In bici il casco è obbligatorio

Limiti di velocità sui motocicli a due e a tre ruote se a bordo ci sono bambini, casco obbligatorio in bicicletta, niente guida di ciclomotori e minicar con la revoca della patente.

26 aprile 2010 - 7:23

Limiti di velocità sui motocicli a due e a tre ruote se a bordo ci sono bambini, casco obbligatorio in bicicletta, niente guida di ciclomotori e minicar con la revoca della patente.

Sono alcune delle misure introdotte dalla commissione Lavori pubblici del Senato nel Ddl sulla sicurezza stradale. Arriva anche un giro di vite per i comuni sulle multe: sarà, infatti, più difficile fare cassa con le contravvenzioni, visto che ci saranno solo 60 giorni, e non più 150, per notificare i verbali. Il passaggio parlamentare ha anche introdotto nel provvedimento un nuovo obbligo di legge: 90 giorni per la notifica se la violazione è contestata immediatamente al trasgressore diverso dall'intestatario del veicolo.
Finora sono stati 71 gli emendamenti approvati in commissione, mentre la prossima settimana saranno esaminati gli altri 54 sospesi in quanto accantonati o da riformulare. La tabella di marcia del provvedimento prevede lo sbarco del Ddl in aula a Palazzo Madama il 4 maggio, a meno che la commissione non ottenga di approvare il provvedimento in sede redigente. «Abbiamo lavorato in un clima di grande collaborazione – sottolinea il relatore Angelo Maria Cicolani (Pdl) – accogliendo molte istanze dell'opposizione, perché un tema delicato come quello della sicurezza stradale coinvolge tutti. Esattamente come era successo tre anni fa, a posizioni invertite di maggioranza, con il decreto Bianchi».

Fra le novità, chi ha subito il ritiro della patente non potrà salire a bordo di ciclomotori e minicar o conseguire il certificato di idoneità alla guida delle due ruote. Arrivano, poi, limiti di velocità sui motocicli a due e a tre ruote se a bordo ci sono bambini di statura inferiore a un metro e 50. Un emendamento – primo firmatario Gianpiero De Toni (Idv) – obbliga a non superare i 60 km/h o i limiti minimi di velocità, se superiori.

Per i ciclisti arriva il casco obbligatorio, a norma, accompagnato da bretelle o giubbino catarifrangente se ci circola dopo il tramonto e prima dell'alba o si transita in galleria. Per invogliare a spostarsi in città in modo ecologico un emendamento approvato consente ai ciclisti di parcheggiare sui marciapiedi e nelle aree pedonali, a patto che non si intralcino pedoni e disabili. Prevista anche la sperimentazione del casco elettronico per conducenti e passeggeri delle due ruote e della scatola nera su autoveicoli di grandi dimensioni. Fra le curiosità possono essere destinati a noleggio con conducente per trasporto di persone motocicli con e senza sidecar.

Si inaspriscono, poi, le pene per autisti e autotrasportatori: costituisce giusta causa di licenziamento il ritiro della patente per guida in stato di ebbrezza o sotto l'effetto di stupefacenti.
Si potranno rateizzare le multe a partire da 200 euro (e non più da 400 euro), a patto che si abbia un reddito, risultante dall'ultima dichiarazione, non superiore a 10.628,91 euro. Salta dal provvedimento, invece, la disposizione che concedeva solo 30 giorni per il ricorso al giudice di pace e fissava uno specifico termine, di 60 giorni, se l'interessato risiede all'estero.
Multe più salate per chi sporca le strade. Un emendamento vieta di «insozzare la strada e le sue pertinenze gettando rifiuti o oggetti dai veicoli in sosta o in movimento»: prevista una multa da 250 a mille euro, con la sanzione accessoria per l'autore della violazione del ripristino dei luoghi a proprie spese.

Sul fronte della pubblicità sulle strade l'ente proprietario può disporre dei mezzi pubblicitari rimossi se dopo 60 giorni l'autore della violazione, il proprietario o il possessore del terreno non ne chieda la restituzione. Arrivano anche misure per potenziare il servizio di informazione di Isoradio e Cciss (Centro di coordinamento informazioni sicurezza stradale) con uno stanziamento di 15 milioni l'anno per 3 anni.

fonte – ilsole24ore.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Honda con CiNet per le reti neurali e l’intelligenza artificiale

Aerotaxi, dal 2025 i primi voli sperimentali

Lyft punta sulla sicurezza: targa auto e foto del driver in evidenza