Sei sotto effetto di sostanze stupefacenti? Si vede dalla saliva! Per prevenire le cosiddette "stragi del sabato sera" e migliorare la sicurezza stradale la polizia è in possesso di un nuovo...

18 agosto 2004 - 14:07

Sei sotto effetto di sostanze stupefacenti? Si vede dalla saliva!
Per prevenire le cosiddette “stragi del sabato sera” e migliorare la sicurezza stradale la polizia è in possesso di un nuovo strumento: un test immuno-enzimatico che permette di capire se il guidatore in esame è sotto effetto di sostanze stupefacenti. La polizia stradale di 5 città italiane: Perugia, Roma, Padova – Verona, Cagliari, Rimini e Bari è stata dotata di camper mobili con attrezzature di laboratorio, materiale sanitario, bagni separati per uomini e donne e tutti gli strumenti che servono per accertare la guida in stato di alterazione tra cui un misuratore di riflessi, l'etilometro e un analizzatore automatico di saliva: il Cozart RapiScan che permette di accertare la presenza di droga nelle saliva e dunque nel sangue.

Il Cozart RapiScan è stato sperimentato durante l'estate scorsa, a Perugia e a Bari, da alcuni medici della Polizia di Stato. Oggi, con le modifiche al codice della strada, è operativo su strada, insieme all'etilometro e agli altri strumenti in dotazione alla polizia stradale. L'apparecchio – che utilizza cartucce diverse a seconda delle sostanze da individuare – si basa sugli anticorpi (più precisamente su una reazione immuno-enzimatica antigene-anticorpo) che, riconoscendo nella saliva la presenza di una determinata sostanza di abuso, attivano un enzima che permette di evidenziare la presenza o l'assenza, entro determinati limiti, di tali sostanze.

I tamponi usati dalla polizia per il test servono ad accertare se i guidatori in esame hanno assunto di recente cocaina, cannabinoidi, oppiacei, benzodiazepine e anfetamine. I controlli vengono effettuati per garantire più sicurezza sulle strade: il consumo di sostanze stupefacenti può infatti causare un rallentamento dei riflessi e una diminuzione della percezione di pericolo. Pertanto ai conducenti che risultano positivi al test, violando l'art. 187 del codice della strada, viene immediatamente ritirata la patente di guida. Il rifiuto di sottoporsi ai test non invasivi di saliva o urine comporta la stessa sanzione prevista per chi risulta positivo al test.

COME FUNZIONA IL TEST

Tutte le sostanze stupefacenti, indipendentemente dalle modalità di assunzione (via orale o endovenosa), vengono metabolizzate ed espulse dall'organismo attraverso i fluidi biologici: sangue, urina, sudore, saliva etc. Dopo circa 10 minuti tali sostanze arrivano nel sangue. Poco dopo si possono riscontrare anche nella saliva, mentre quando arrivano nelle urine l'effetto sul sistema nervoso potrebbe essere già finito (questo perché possono trascorrere alcune ore prima che le sostanze di abuso risultino presenti nelle urine). Analizzare la saliva dunque permette di verificare quasi immediatamente l'assunzione di droga.

1) Un tampone assorbi-saliva – di pura cellulosa e senza additivi – viene posizionato sotto la lingua della persona in esame per prelevare un campione di saliva. Quando l'indicatore diventa blu vuol dire che è stata raccolta la quantità sufficiente di fluido (il tempo varia, a seconda della produzione di saliva, da 30 secondi a 4 minuti).

2) Il campione raccolto viene inserito in una provetta con una soluzione che aiuta a far rilasciare le eventuali sostanze stupefacenti.

3) Dopo un semplice processo di filtrazione 4 gocce del campione vengono versate nel pozzetto della cartuccia, dove avviene la reazione antigene-anticorpo: se nel liquido esaminato non ci sono sostanze stupefacenti appaiono delle righe rosse. Se invece sono presenti delle droghe non appare nessuna banda rossa.

4) Pochi secondi dopo la cartuccia viene inserita nello strumento che, dotato di una piccola telecamera, legge e interpreta il contrasto fra le eventuali righe rosse ed è in grado di determinare la presenza di sostanze (fino ad un massimo di 5 per cartuccia) nel giro di 12 minuti.

5) I risultati appaiono sul video dello strumento e possono essere stampati.

Un parte del campione di saliva delle persone che risultano positive viene inviato ai laboratori di tossicologia forense della zona o al laboratorio centralizzato della Polizia di Stato, a Roma, per effettuare – in collaborazione con l'Università “La Sapienza” – il test di conferma, ovvero la gascromatografia e spettrofotometria di massa.

La polizia australiana, di Adelaide, sta utilizzando il Cozart RapiScan con lo stesso obiettivo, ma lo strumento può essere usato anche per altri scopi: in Inghilterra, ad esempio, oltre ad essere usato dalla polizia su strada è stato adottato dei centri di recupero e di riabilitazione per tossicodipendenti per rilevare l'eventuale assunzione di metadone. Con questo sistema è anche possibile ricercare la buprenorfina che sta soppiantando il metadone come terapia sostitutiva. Anche la polizia tedesca ha cominciato ad usare questo strumento.

Fonte: www.poliziadistato.it

1 commento

brunetti
17:45, 8 aprile 2011

Non tutti sanno che le benzodiazepine principio attivo di molti farmaci in commercio per lo stato ansioso usate da 10 milioni di italiani,
con le nuove disposizioni del codice della strada violano l'art. 187 cds e quindi e reato mettersi alla guida sotto il loro effetto
Le più comuni BDZ ad azione prevalentemente ansiolitica sono:

Emivita breve-intermedia :

Lorazepam (Tavor, Control, Lorans, Lorazepam Dorom)

Oxazepam (Serpax, Limbial)

Emivita intermedia

Alprazolam (Xanax, Frontal, Valeans, Mialin)

Bromazepam (Lexotan, Compendium)

Clotiazepam (Tienor, Rizen)

Etizolam (Depas, Pasaden)

Emivita lunga:

Diazepam (Valium, Ansiolin, Tranquirit)

Clordemetildiazepam (En)

Clordiazepossido (Librium)

Ketazolam (Anseren)

Prazepam (Prazene, Trepidan)

Le più comuni BDZ ad azione prevalentemente ipnoinducente sono:

Triazolam (Halcion, Songar) emivita breve

Brotizolam (Lendormin) breve

Estazolam (Esilgan) emivita intermedia

Lormetazepam (Minias) intermedia

Flunitrazepam (Darkene, Valsera, Roipnol) emivita lunga

Flurazepam (Dalmadorm, Felison, Valdorm) lunga

Nitrazepam (Mogadon) lunga

Quazepam (Quazium) lunga
Rivoltril (Clonazepam)

Pena: ritiro patente,confisca del veicolo,arresto da 3 mesi a sei mesi,multa da 800 a 3000 euro.Malgrado incidente le varie compagnie

di assicurazione non pagano i danni arrecati.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto elettriche

Auto elettriche e limiti per i neopatentati: il MIMS smentisce il Viminale

Garage auto: norme, spese e tasse sull’affitto

Assistenza alla guida attiva: solo il 26% degli automobilisti la usa