Il T-Red va a processo e gli americani calcolano quante vite salva (da loro)

Si affilano le armi in vista del primo processo penale sui T-Red, quello di Verona, che comincerà a entrare nel vivo tra una settimana.

2 febbraio 2011 - 13:18

Secondo gli USA il 25% di vittime in meno agli incroci grazie al T-Red – Si affilano le armi in vista del primo processo penale sui T-Red, quello di Verona, che comincerà a entrare nel vivo tra una settimana (giovedì 10 febbraio). E già qualcuno pronostica che siano in arrivo rinvii a giudizio per l'altro filone della vicenda, quello milanese. Ma intanto casca a fagiolo una stima americana sul risparmio di vite umane che i controlli automatici ai semafori avrebbero comportato: il 25% di vittime in meno agli incroci della grandi città messi sotto sorveglianza. E, se i controlli fossero estesi a tutte le grandi città, ci sarebbero altri 815 morti in meno.

In Italia nessuno si e' degnato di svolgere un simile compito – Queste sono solo stime, sia chiaro (per quanto di fonte autorevole come l'Iihs). Ma in Italia nessuno si è mai preso la briga di fare un lavoro del genere. Nemmeno, più semplicemente, su scala locale, con un sindaco magari desideroso di dimostrare che una sua scelta tanto criticata (l'accusa è sempre la solita: “Fai solo cassa”) è stata invece provvidenziale.

L'Italia  e' solo un paese “furbo” – Da noi preferiamo discutere di durata del tempo di giallo, legittimità delle omologazioni e di affidabilità delle apparecchiature. Il brutto è che, almeno a prima vista, non sono nemmeno questioni infondate. Sul tempo di giallo giocano sia i troppi guidatori che vogliono passare quando è ormai vietato sia i Comuni, che lo sanno benissimo e cercano di approfittarne per fare cassa. Sulla legittimità delle omologazioni, la materia è complessa ed è resa ancor più complicata dall'affastellarsi di varie prassi. Sull'affidabilità delle apparecchiature, non si riesce ancora a capire se le percentuali di errore del T-Red (che concettualmente è avanzatissimo) siano in linea con la media degli altri apparecchi. Tutte questioni frutto di un Paese furbo, dove nessuno si fida più di nessuno e spesso si persegue un interesse diverso da quello istituzionale o da quello anche semplicemente dichiarato.

Fonte – mauriziocaprino.blog.ilsole24ore.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Bonus rottamazione auto per TPL: slitta il decreto

4 errori da non fare con bambini fino a 12 anni e cinture di sicurezza

Guida in stato di ebbrezza auto confiscata

Etilometro non revisionato: l’onere della prova spetta all’accusa