Il metano, un fenomeno del mercato italiano

Il metano, un fenomeno del mercato italiano Fiat è leader ma il Gruppo Volkswagen incalza e lo propone perfino sull'Audi A3

Fiat è leader ma il Gruppo Volkswagen incalza e lo propone perfino sull'Audi A3

21 Luglio 2014 - 08:07

Il metano è uno dei fenomeni del mercato degli ultimi anni passando da numeri di nicchia a significative vendite. Nel 2013 in Italia sono state commercializzate 68.092 vetture, così ripartite: Fiat (47.353), VW (8.115), Lancia (7.759), Opel (3.324), Seat (1.161), Skoda (253), Tata (95), altre (32). A favorire la diffusione di questo combustibile gassoso sono stati gli incentivi e l'evoluzione tecnologica. Non è un caso che molti costruttori stanno accelerando lo sviluppo delle alimntazioni alternative. Nei primi 5 mesi del 2014 a guidare la top delle più vendute è la Fiat Panda (8.887) su Fiat Punto (5.060), Fiat 500L (2.929), Volkswagen up! (2.913), Lancia Ypsilon (2.719), Fiat Qubo (1.263), Opel Zafira (1.083), Seat Mii (637), VW Golf (426) e VW Passat (321) ed ancora VW Touran.

LE STRATEGIE ECOLOGICHE DI FIAT – Nello scorso ottobre al Festival della Scienza di Genova c'era anche il marchio torinese: “Qui la scienza diventa comprensibile ed accessibile – aveva spiegato Gianluca Italia, il capo di Fiat Emea – proprio come le nostre tre auto ispirate al concetto di mobilità pulita”. Cioè sopratutto metano, il carburante più ecologico oggi in commercio. Nello stand del Lingotto debuttava l'alimentazione bi-fuel a gas naturale sulla 500L (a 5 posti) con prezzi da 21.500 euro per la versione d'accesso Pop Star. “Il Turbo 0.9 TwinAir da 80 cv è ideale per questa tecnologia pulita – aveva sottolineato  Massimo Ferrera il direttore energie alternative del Centro Ricerche Fiat – in quanto è un'evoluzione moderna dei motori a combustione, che per almeno 20 anni saranno il riferimento del mercato”. Premiato come Best Green Engine 2013, questo propulsore offre prestazioni brillanti con consumi ridotti.

DA MILANO A ROMA IN PANDA CON 18 EURO – Col metano si risparmia molto. Da Milano a Roma in Panda la spesa è di 18 euro, contro i 39 della versione diesel e i 54 di quella a benzina. Nella 500L Living, per la cronaca, i valori di emissioni di C02 sono di 105 gr/km. Fiat già nel 1997 aveva montato in fabbrica gli impianti a metano sulla Marea, l'anno successivo su Multipla. Nel 2006 arrivava in listino la seconda generazione bi-fuel su Panda e nel 2010 la prima soluzione abbinata al turbo 1.4 T-Jet. Adesso c'è la terza generazione con il TwinAir che integra downsizing e tecnica. Fiat, nonostante l'insufficienza delle stazioni di rifornimento, leader del settore, ha venduto finora oltre 600.000 vetture a gas naturale. Il parco circolante di auto a metano in Italia si aggira sulle 750.000 unità ed è il più grande d'Europa. Va osservato che non viene mai penalizzato il piacere della guida.

STAZIONI DI SERVIZIO INSUFFICIENTI – Ci sono un migliaio di punti di rifornimento (primato europeo) ma sono mal distribuiti nel territorio italiano: 696 distributori per 17 milioni di abitanti, i restanti 282 per 28 milioni di persone. “Riguardo alla modalità self-service questa era consentita fin dal D.M. 11.9.2008 – come ha evidenziato con una nota da Bolzano, Michele De Luca – self service sì, ma con presenza di personale. Una soluzione che alla fine solo un paio di impianti in provincia di Bolzano hanno adottato. Peraltro altri impianti nel corso degli ultimi sei anni si sono dotati di erogatori europei NGV1 (Como/Lazzago e Ascoli Piceno/Z.I. Campolungo) ma hanno sempre fatto fare il rifornimento da addetti, cosa che non si è mai capita, ma evidentemente non si conosceva la norma oppure debbo ritenere che vi siano state strambe interpretazioni di una norma che era chiara. Con il D.M. 31.3.2014 si è introdotto il self-service “vero”, confermando la regola tecnica e lo standard ISO degli erogatori, ma con un piccolo problema: è necessario avere una tessera per rifornirsi. Personalmente, appena attraverso il Brennero, mi rifornisco in self a Matrei am Brenner senza bisogno di tessere. E così avviene in qualsiasi altro paese europeo”.

NOVITA' DAL GRUPPO TEDESCO – L'Audi A3 G-Tron è il risultato di una mirata strategia del Gruppo VW per espandersi nel mercato dei carburanti alternativi. La piattaforma sulla quale nasce è quella modulare Mqb (quella della Golf). I serbatoi di metano sono celati nel pianale, all'altezza del bagagliaio che viene penalizzato di 100 litri (280 contro i 380 di una normale A3). Da Milano a Roma la spesa di carburante è di 20 euro con questo modello, prezzi a partire da 25.650 euro. Autonomia globale di 1300 km, velocità di punta di 190 orari (consumo a metano di 3,5 kg x 100 km). Quando il gas finisce si passa automaticamente al funzionamento a benzina senza dover ricorrere ad alcun tasto di commutazione. Nel quadro strumenti si trovano i due indicatori del livello di carburante e nel display si possono leggere le differenti autonomie. In futuro la A3 G-tron potrà essere alimentata anche con l'e-gas prodotto dall'e-gas project Audi a Werlte in Germania grazie all'utilizzo di fonti rinnovabili. Altra novità la Skoda Octavia a metano, 100 km con meno di 4 euro. Autonomia di 1.330 km (410 con i 14 kg di gas e 920 con la benzina, 1.600 TSi da 110 cv), prezzo intorno a 22.000 euro.

1 Commento

Andrea
11:59, 23 Luglio 2014

C'è un errore sul paragrafo sulle stazioni di servizio. Recentemente (circa 2 mesi fa) è cambiata la legge che consente di fare metano e gpl in self service senza presidio.

X