Il 19% delle flotte aziendali è interessato all'auto elettrica

Il 27% delle aziende con un parco auto di più di 10 veicoli ha un piano di sostenibilità ambientale. E il 19% potrebbe dotarsi di auto elettriche

21 febbraio 2012 - 9:00

Il Centro Studi Auto Aziendali, organizzazione gestita dalla società bolognese Econometrica, ha appurato, dopo un'inchiesta mirata, che il 27% delle società con più di 10 veicoli nella flotta ha un progetto organico di sostenibilità ambientale.

FLOTTE POCO ECOLOGICHE – Il dato è incoraggiante sotto diversi punto di vista, poiché dimostra che i temi legati all'ecologia e al rispetto dell'ambiente fanno ormai parte delle strategie di un buon numero di aziende che, si spera, potrà cresce in futuro. Tuttavia, lo stesso Centro Studi ha fornito un altro dato che appare in contraddizione con il precedente: se si guarda al tipo di alimentazione dei veicoli presenti nelle flotte di queste aziende, solo il 4,25% può essere ritenuto a basso impatto ambientale (l'avevamo già sottolineato in un “semaforo rosso” del 2010), mentre il rimanente 95,25% è ad alimentazione tradizionale. In dettaglio, il 2,5% dei veicoli è a metano, circa l'1% a gpl, lo 0,62% è ibrido e lo 0,13% è elettrico. Insomma, a giudicare dai dati, le aziende predicano bene i concetti di ecosostenibilità, ma continuano a razzolare male quando si tratta di implementarli nella loro flotta di veicoli.

SOSTITUZIONE GRADUALE DEI VEICOLI – Ovviamente la realtà è un po' più complessa. La permanenza dei veicoli in una flotta, infatti, è mediamente di tre-quattro anni e adottare un piano aziendale di sostenibilità ambientale non significa certo sostituiri di colpo tutti. Piuttosto, si può procedere a sostituire gradualmente quelli presenti con altri più rispettosi dell'ambiente, il che significa che la “fotografia” della flotta di oggi può non riflettere ancora la vera vocazione “eco” delle aziende in base ai piani adottati di recente, che potrebbe invece emergere un domani. Proprio per questo, può essere interessante esplorare i programmi e gli orientamenti delle flotte aziendali per il prossimo futuro, cosa che il Centro Studi ha fatto svolgendo un sondaggio direttamente rivolto alle aziende, ottenendo risultati interessanti.

IL 19% DEI GESTORI È INTERESSATO ALLE ELETTRICHE – Ai gestori delle flotte sono state poste una serie di domande e alternative. Di fronte al quesito su quali aspetti “verdi” avrebbero preso in considerazione nella scelta dei futuri veicoli, il 55% dei responsabili ha risposto che l'attenzione sarebbe andata al livello delle emissioni di CO2, il 22% avrebbe puntato su auto più piccole, il 15% sull'alimentazione a metano e un altro 15% sul gpl. Tuttavia, la vera sorpresa è arrivata da quel 19% che ha manifestato l'intenzione di introdurre le auto elettriche nella flotta e da un altro 55% che ha dichiarato di essere interessato a provarle su strada. Naturalmente non è affatto scontato che un tale interesse si tradurrà automaticamente nella decisione di dotare la flotta di veicoli a batteria e, del resto il Centro Studi sottolinea che la sensibilità alla prova su strada è motivata anche dal fatto che l'offerta di test drive da parte delle case per queste auto si sta facendo insistente.

L'EVENTO COMPANY CAR DRIVE – Proprio per mettere d'accordo domanda e offerta, Econometrica e GL-Events Italia (la società che cura il Motor Show di Bologna) ha deciso di organizzare per il 18-19 aprile 2012 un incontro tra i gestori della flotte e le case automobilistiche. All'evento, che si svolgerà all'autodromo di Vallelunga ed è stato battezzato Company Car Drive, la case porteranno le loro vetture elettriche (ma anche quelle tradizionali e ibride) e i gestori potranno provarle a piacimento, oltre a partecipare ai previsti seminari di formazione sull'auto aziendale.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cassazione sorpasso contromano

Cassazione: il sorpasso contromano comporta due infrazioni

Autobus a fuoco: l’80% si incendia a causa del motore

Monopattini elettrici a numero chiuso

Monopattini a Milano: troppi incidenti, arrivano gli steward