Il 1° marzo rincara la Rc Auto. Ecco come non pagare l'aumento

Tra pochi giorni scatterà l'aumento dell'imposta provinciale sull'RC Auto. Ma chi pagherà il premio entro il 1° marzo eviterà le nuove aliquote

6 febbraio 2012 - 10:00

La scadenza è vicina, e il rincaro che scatterà dopo, pure. Ci riferiamo alla data del 1° marzo, a partire dalla quale si appicherà l'aumento fino al 3,5% dell'addizionale provinciale sull'assicurazione RC auto previsto dal decreto sul federalismo fiscale n° 68/2011.

RINCARO PER TRE – Le ultime tre province ad aver deliberato l'aumento, come riporta il sito assicuriamocibene.it, sono Messina, Monza Brianza e Prato che, manco a dirlo, hanno deciso per l'applicazione dell'aumento massimo ammesso, cioè il 3,5%.

UNA SCADENZA DA RICORDARE – I lettori potrebbero chiedersi per quale motivo riparliamo ora, ricordando una scadenza già nota, di un argomento del quale abbiamo già parlato in passato, al tempo dell'approvazione del decreto. Il motivo è semplicissimo: l'obbligo di pagare in base all'imposta rincarata scatta solo dopo il 1° marzo. In altre parole, è sufficiente pagare il premio in prossimità della scadenza stessa della polizza, a patto che questa scada prima del 1°marzo: in questo modo si eviterà di sostenere l'aumento e, per quest'anno, si potrà farla in barba al balzello provinciale. Insomma, tutti i premi versati prima del 1° marzo potranno essere gravati solo dalle vecchie aliquote del 12,5% e non da quelle massime che dopo quella data potranno essere portate fino al 16%.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Acquisto auto nuova: per il 50% degli europei con un motore a combustione

Incidenti stradali 2019 morti Europa

Rinuncia alla rivalsa: cos’è e come funziona

Tesla usata: quanto dura la garanzia del Costruttore?