I Vulnerabili, lo spettacolo educativo sulla sicurezza stradale

12 maggio 2010 - 12:06

Negli ultimi anni la comunità internazionale ha dato un importante impulso alla prevenzione degli incidenti, invitando tutti i paesi a ridurre i morti sulle strade del 50% entro il 2010.

Per questo, Zelda s.r.l., in collaborazione con l’Associazione Per non dimenticare e www.sicurauto.it, ha prodotto I VULNERABILI, uno spettacolo innovativo, scritto e interpretato dal Filippo Tognazzo. I VULNERABILI propone il tema della sicurezza stradale in modo diretto, divertente e al tempo stesso rigoroso.

Ma si può parlare di sicurezza stradale divertendosi?

Sì, visto anche il grande successo fin qui raccolto dallo spettacolo.

Fra una corsa in platea, una simulazione di guida a bordo di un’auto quasi vera, un tuffo da tre metri, il sollevamento di pesi e la lettura attenta di giornali e pubblicità, I Vulnerabili affronta il problema della sicurezza stradale in modo innovativo e incisivo, fornendo dati e informazioni, argomentando senza rinunciare alla critica, senza cadere nel pietismo, senza forzare le risposte ma inducendo gli spettatori a una riflessione serena e consapevole.

I Vulnerabili è il risultato di un lavoro di ricerca durato vari mesi nei quali Tognazzo si è avvalso della collaborazione di Franco Taggi, direttore del reparto traumi dell’Istituto Superiore di Sanità di Roma, di esperti del Dipartimento di Ingegneria di Padova, di Claudio Cangialosi (resp. di SicurAUTO.it) oltre che di psicologi, pubblicitari, fisici, medici e giornalisti.

Lo spettacolo, vista l’alta valenza educativa, è stato inserito fra le attività del Road Safety Programme promosso dalla UE.

Il metodo scelto da Filippo Tognazzo

“Ho deciso di puntare sul coinvolgimento reale da parte del pubblico. Credo che le persone non vogliano sentirsi dire solo “cosa” devono fare, ma chiedano di capire anche il “perché” è importante mantenere un comportamento prudente alla guida.

Solo attraverso l’informazione e la partecipazione si può creare una nuova consapevolezza. Spesso quando ci si rivolge ai ragazzi si tende, con la scusa di usare un linguaggio semplice, a usare invece un linguaggio semplicistico, partendo dal presupposto che non possano capire. Io li metto di fronte a dati di fatto, pongo loro domande dirette e costruisco lo spettacolo sulle loro risposte.”

Il teatro come luogo di informazione

I VULNERABILI è articolato in diversi quadri, ciascuno incentrato su un aspetto legato alla sicurezza stradale:

– la velocità, spazio di reazione e di frenata: la velocità è considerata ancora come sinonimo di efficacia, professionalità, progresso. Ma è soprattutto la prima (con)causa di incidenti. L’Unione Europea afferma che ridurre la velocità media di guida di 3 km/h salverebbe più di 5.000 persone all’anno, prevenendo oltre 120.000 incidenti;

– auto più divertenti o auto più sicure? Pubblicità e mass media contribuiscono alla diffusione, soprattutto presso i giovani, del desiderio di possedere un veicolo con i più svariati optional (lettore mp3, lettore dvd, cavalli di potenza), ma raramente ci parlano delle tecnologie legate alla sicurezza (spie di allarme per le cinture di sicurezza, sistemi avanzati di contenimento, controllo elettronico di stabilità ESC, scocche di sicurezza), oltre ai sistemi di limitazione della velocità, che potrebbero ridurre gli incidenti di circa il 35%;

– i fattori di rischio: alcol, droga, stanchezza, atteggiamenti aggressivi, guida distratta;

– i vulnerabili: tecnicamente sono gli utenti più esposti agli incidenti, pur non essendo a bordo di un veicolo. Pedoni, ciclisti, ma soprattutto giovani il cui tasso di incidenti mortali è altissimo. Fornire maggiore protezione a ciclisti e pedoni, riservare corsie apposite e bene illuminate ridurrebbe sensibilmente il numero degli incidenti. I vulnerabili corrono un rischio nove volte più elevato degli automobilisti di essere coinvolti in un incidente.

I Vulnerabili, lo spettacolo che piace

Lo spettacolo raggiungerà presto le 100 repliche, coinvolgendo circa 30.000 spettatori, in prevalenza studenti delle scuole medie inferiori e superiori. Alla fine di ogni rappresentazione sono stati distribuiti a studenti e insegnati questionari anonimi per rilevarne il livello di soddisfazione e gradimento. I risultati emersi sono sorprendenti:

Risposte degli studenti

– Ti sei divertito o hai trovato lo spettacolo interessante? SÌ 95% NO 5%
– Hai trovato lo spettacolo: MOLTO CHIARO 52 % CHIARO 44% POCO COMPRENSIBILE 2 % INCOMPRENSIBILE 2 %
– Credi che da oggi starai più attento al tuo comportamento sulla strada? SÌ 86% NO 14%

Risposte degli insegnanti

Ha trovato lo spettacolo interessante? SÌ 100% NO 0%
– Ha trovato lo spettacolo: MOLTO CHIARO 65 % CHIARO 35 % POCO COMPRENSIBILE 0 % INCOMPRENSIBILE 0 %
– Ritiene che I VULNERABILI possa contribuire alla diffusione di una cultura della sicurezza sulla strada? SÌ 100% NO 0%

Come si evince dai risultati riportati, l’accoglienza è stata unanimemente positiva, in particolare presso i ragazzi, pubblico che certo non risparmia critiche ed è spesso poco sensibile al problema della sicurezza stradale.

Scegli anche tu I Vulnerabili

I Vulnerabili è uno spettacolo itinerante che può essere scelto per informare ed educare anche platee numerose. Andato in scena in numerosi contesti (da quelli di piazza sino ai teatri comunali) è stato scelto già da numerose scuole, istituzioni ed aziende. La compagnia è in grado di portare tutte le attrezzature necessarie per trasformare qualsiasi luogo in un vero e proprio teatro.

I Vulnerabili è stato scelto anche da Quattroruote per la chiusura del concorso nazionale “Cinema in Sicurezza”.

I Vulnerabili è anche su Facebook, dove potrete leggere i commenti dei partecipanti.

Per richieste di materiale promozionale, informazioni tecniche o commerciali:

Federica Bittante: spettacoli@zeldasrl.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto usate: gli italiani preferiscono ancora le diesel

Pneumatici nuovi: emettono idrocarburi per 3.000 km

Incidenti stradali in Europa: 6 mila bambini, le vittime in 10 anni