I sistemi di sicurezza Volvo riducono gli incidenti autostradali del 42% secondo un test europeo

Automobili più sicure, stando ai commenti di chi ha partecipato al progetto EuroFOT, un test che ha analizzato i sistemi di sicurezza attiva Volvo

21 agosto 2012 - 7:00

Chi acquista una Volvo dotata di Adaptive Cruise Control e di Collision Warning ha il 42% di probabilità in più di evitare un incidente in autostrada. E' questo il rapporto conclusivo del progetto europeo EuroFot, un progetto di ricerca cui ha partecipato Volvo Car Corporation che ha analizzato le nuove tecnologie di sicurezza per la riduzione del rischio di tamponamento.

3 MILIONI DI KM – Lo studio europeo ha consentito non solo di valutare i sistemi di sicurezza attivi ma di analizzare anche il grado di accettazione delle nuove tecnologie da parte dei partecipanti al test e della successiva penetrazione sul mercato dei sistemi. 28 partner tra cui gli svedesi di Volvo Car Corporation, Volvo Trucks e la Chalmers University of Technology hanno partecipato alla prova di 100 veicoli Volvo XC70 e V70 guidati da 263 conducenti. Le auto impiegate nel progetto dotate di telecamere e sensori hanno registrato ogni secondo del viaggio in cui erano lanciate, consentendo di analizzare tutte le situazioni di rischio d'incidente. In 18 mesi le auto hanno rilevato per gli esperti della sicurezza Volvo 30 Terabyte di dati su 3 milioni di chilometri percorsi.

5 TECNOLOGIE TESTATE – I sistemi di sicurezza intelligenti testati nell'ambito del progetto EuroFOT e realizzati da Volvo, sono l'Adaptive Cruise Control (ACC), il Forward Collision Warning (FCW), il Sistema per il Monitoraggio degli Angoli Ciechi della Vettura (BLIS), il Lane Departure Warning (LDW), il Driver Alert Control (DAC); scopriamone insieme i loro campi di applicazione.    

  • L'Adaptive Cruise Control mantiene una distanza pre-determinata dal veicolo che precede.
  • Il Forward Collision Warning avvisa il conducente se vi è un pericolo imminente di collisione con il veicolo che precede. Contemporaneamente, i freni vengono pre-caricati nel caso si renda necessaria una frenata improvvisa.
  • Il Sistema per il Monitoraggio degli Angoli Ciechi della Vettura avverte il conducente della presenza di veicoli negli angoli ciechi su entrambi i lati dell'auto.
  • Il Lane Departure Warning avvisa il conducente se l'auto attraversa accidentalmente le linee che delimitano le corsie.
  • Il Driver Alert Control è progettato per individuare e segnalare un eventuale stato di stanchezza o distrazione del conducente.

I sistemi di sicurezza intelligente sono disponibili su richiesta del cliente nei pacchetti Driver Support e comprendono nell'allestimento base Kinetic, ACC, FCW, BLIS, DAC, Pedestrian Detection, sensore pioggia e specchi retrovisori esterni ripiegabili elettricamente, al prezzo di 2.675 euro. Per l'allestimento più ricco che costa 7.050 euro in più a parità di motore, il medesimo pacchetto si compone di ACC, FCW, BLIS e DAC per 2.250 euro, tanti, se si pensa che facciano lievitare il prezzo di una XC70 a circa 49.000 euro, ma saranno soldi ben spesi.

ACC E FCW PREFERITI – Il rapporto conclusivo EuroFOT mostra che i sistemi Adaptive Cruise Control e Forward Collision Warning migliorano notevolmente la sicurezza del traffico, soprattutto in ambito autostradale dove il rischio di tamponare l'auto che precede scende del 42%. Il sistema ACC è stato utilizzato dai conducenti impegnati nel test per il 51% della strada percorsa; l'80% al termine del test ha dichiarato di aver provato una guida comoda e agevole e il 94% del totale ha provato una sensazione di maggiore sicurezza attivando il sistema. Il 70% dei conducenti sostiene che il FWC migliora notevolmente il livello di sicurezza e ne fa eco la dichiarazione di chi ha affermato che “(…)grazie a questo sistema di segnalazione, in un paio di casi mi è stato possibile evitare di restare coinvolto in un incidente a seguito di frenata improvvisa dei veicoli che precedevano”. Anche gli altri sistemi di sicurezza attivi, in particolare sul livello di stanchezza del conducente, sul rispetto delle corsie durante la marcia e sull'individuazione di veicoli negli angoli ciechi dell'auto, hanno registrato un buon livello di gradimento ma, secondo i vertici Volvo, con la quantità di dati disponibili è ancora prematura una significativa previsione dal punto di vista statistico sulla riduzione del rischio d'incidente grazie a questi sistemi. Tuttavia, “il nostro obiettivo è di portare a zero il numero delle persone ferite o uccise a seguito d'incidente in una nuova Volvo entro il 2020”, ha sostenuto Peter Mertens Vice President Senior di Volvo in occasione del progetto EuroFOT.

1 commento

Amedeo
0:54, 23 agosto 2012

Come dice il mio meccanico (felice possessore di una Corvette C3) ora come ora guidare un'auto e come prendere l'ascensore……
Rimango sempre dell'idea che questi sistemi pur creati per scopi più che utili alla lunga servano solo a creare nuovi momenti di distrazione dell'automobilista che, consapevole della bontà dei sistemi di sicurezza,approfitterà di questi per fare altro mentre è al volante.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Acquisto auto nuova: per il 50% degli europei con un motore a combustione

Tesla usata: quanto dura la garanzia del Costruttore?

Assemblea Ania

Assemblea Ania: RC auto in calo del 5%, ma si può fare di più