I sei anni della patente a punti, un primo bilancio

Il prossimo 1 luglio la patente a punti compie sei anni e in occasione dell’evento arriverà un piccolo “premio” agli automobilisti più ligi e rispettosi del Codice della Strada,...

27 giugno 2009 - 13:39

Il prossimo 1 luglio la patente a punti compie sei anni e in occasione dell’evento arriverà un piccolo “premio” agli automobilisti più ligi e rispettosi del Codice della Strada, ovvero verranno aggiunti due punti a quelli già “caricati” sul proprio documento.

Il “regalo”, va chiarito, non è un evento straordinario, è più che altro la normale prassi che prevede un bonus di due puntida assegnare ogni due anni agli automobilisti che nel biennio non hannocommesso infrazioni, una regola che farà sì che coloro i quali nonhanno preso mai una multa dall’introduzione della patente a punti adoggi, si ritroveranno ad avere ben 26 punti.

La percentuale di questi “automobilisti-modello” sembra essereparecchio alta in Italia, cosa che potrebbe anche tradursi come unfatto positivo, in quanto vorrebbe dire che gli italiani al volantesono un popolo di scrupolosi.

Ciò che vorrebbe la logica non corrisponde però esattamente allarealtà, o almeno guardando le cifre relative alle infrazioni commessedagli automobilisti così pare. Già, perché nonostante una formalerigidezza delle norme che regolano il meccanismo della patente a punti,sembra proprio che le scappatoie per recuperare o per non perdere ipunti ci sono e non sono nemmeno state poche.

Di certo ha contribuito a questa situazione il sistema dei controllispesso inefficiente, oltre ad alcune regole che consentono, al frontedel pagamento di una certa somma pecuniaria, di mantenere “pulita” lapropria fedina automobilistica.

Fattori che in parte hanno vanificato gli effetti per cui la patentea punti è stata introdotta, dato che, tranne i primissimi tempi in cuivi era un certo rigore nell’applicazione delle leggi, sembra che inseguito la morsa delle istituzioni si sia allentata, con il risultatoche praticamente gran parte degli automobilisti non solo resta impunitadopo aver commesso un’infrazione, ma che, paradossalmente, vienepremiata ogni due anni ricevendo i punti-bonus

Fonte

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto elettriche

Auto elettriche e limiti per i neopatentati: il MIMS smentisce il Viminale

Garage auto: norme, spese e tasse sull’affitto

Assistenza alla guida attiva: solo il 26% degli automobilisti la usa