I pirati della strada non fanno vacanze

I pirati della strada non fanno vacanze Nuovo preoccupante record con 42 episodi costati 10 morti (2 bambini) e 47 feriti: il 60% di vittime in più rispetto agli altri mesi dell'anno

Nuovo preoccupante record con 42 episodi costati 10 morti (2 bambini) e 47 feriti: il 60% di vittime in più rispetto agli altri mesi dell'anno

3 Settembre 2010 - 10:09

Nuovo preoccupante record con 42 episodi costati 10 morti (2 bambini) e 47 feriti: il 60% di vittime in più rispetto agli altri mesi dell'anno

Duro colpo, in piena estate, per la sicurezza stradale: un aumento di vittime dei pirati della strada impressionante, il 60 per cento in più rispetto alla media degli altri mesi dell'anno. La denuncia arriva dall' osservatorio il Centauro – Asaps, che si occupa di monitorare i delitti di fuga e di omissione di soccorso stradali, e ha lasciato increduli gli stessi autori “perchè – come ci ha spiegato il presidente dell'Asaps Giordano Biserni – non ci aspettavamo un aumento così consistente dei morti”.

Un aumento dovuto a incidenti di una gravità inaudita visto che i casi complessivi di pirateria sono poi in linea con quelli della media annuale. L'osservatorio ha infatti censito ben 42 episodi, con una letalità e lesività davvero impressionanti: 10 morti in altrettanti eventi letali, tra cui 2 bambini, e 47 persone ferite. Per fortuna 33 di questi pirati, il 78,6%, sono stati assicurati alla giustizia da parte delle forze dell'ordine, con 16 arresti (48,5%) e 17 denunce a piede libero (51,5%).

Importante anche l'analisi dello stato psicofisico che è risultato alterato in 7 casi su 33 identificazioni, il 21,2% del totale, anche se nessuno dei pirati smascherati è stato trovato positivo al narcotest. Siamo, in questo caso, su livelli leggermente inferiori rispetto al dato provvisorio del 2010 finora osservato, stabile sul 29,1% (80 ebbri su 275 pirati noti).

Il fenomeno insomma torna a preoccupare perché se tutti i dati generali mostrano un miglioramento del numero
di incidenti, morti e feriti, in tema di sicurezza stradale gli episodi di pirateria sono in totale contro-tendenza. E, ancora una volta, a farne le spese sono soprattutto le categorie deboli. “La vittimologia di questa fattispecie di criminalità stradale – spiega infatti Biserni – indica che su un totale di 57 vittime, tra morti e feriti, il 14% è costituito da minori under 18 (8 soggetti) ed il 12,3% da persone over 70 (7 soggetti)”.

 

fonte – repubblica.it

Commenta con la tua opinione

X