i-ACTIVSENSE: la sicurezza di guida secondo Mazda

I sistemi di sicurezza attiva della Mazda 6 riconosceranno gli incidenti per evitarli con radar e sensori su 360 gradi

26 settembre 2012 - 7:00

Tutta la tecnologia di cui dispone Mazda sarà presentata sulla nuova 6 al prossimo Salone di Parigi; innovativi sistemi di sicurezza attiva in grado di individuare potenziali pericoli, evitare collisioni e ridurre le conseguenze di un incidente.

PROACTIVE SAFETY – Adeguandosi agli standard di sicurezza che gli utenti cercano in una nuova auto, Mazda racchiude in quella che chiama filosofia Proactive Safety, l'obiettivo di minimizzare il rischio d'incidenti, affidando a radar, videocamere e sensori il delicato ruolo di riconoscere e controllare situazioni di pericolo con tecnologie “pre-crash”. i-ActivSense è il complesso tecnologico di sistemi attivi intorno all'auto a partire dal sistema di frenata automatica SBCS, già sul crossover CX-5, che aiutano il guidatore in tutte le condizioni di marcia; ma ricordiamo che gli ausili elettronici non dovrebbero mai incoraggiare un abbassamento della soglia di attenzione mentre si è al volante.

UNO SGUARDO INTORNO – Per assistere il guidatore al volante, il radar del MRCC (Mazda Radar Cruise Control) monitora la velocità e la distanza della vettura che precede e se ci si avvicina troppo, frena automaticamente l'auto per ristabilire la giusta distanza di sicurezza in autostrada. La ricerca tecnologica della casa giapponese offrirà ai futuri modelli molti sistemi di allerta di potenziali situazioni di pericolo, come il Forward Obstruction Warning che avverte il guidatore quando la direzione presa da un veicolo di fronte potrebbe incrociarsi con l'auto e provocare un incidente. Immancabile il Lane Departure Warning System che si attiva quando si attraversano le linee della carreggiata repentinamente e senza intenzionale azione da parte del guidatore. Il Rear Vehicle Monitoring controlla gli angoli ciechi posteriori avvisando il conducente se stanno sopraggiungendo altre auto. I fari anteriori saranno controllati automaticamente dal sistema High-Beam Control System che analizzando la strada attraverso la telecamera sul parabrezza accende gli anabbaglianti se c'è poca luce e commuta il fascio in abbaglianti di notte e in funzione del traffico di auto incrociate. L'Adaptive Front Lighting System dirige l'illuminazione dei fari in base alla velocità e al raggio di sterzata con angoli favorevoli alla visibilità degli incroci. Quando il sistema Smart Brake Support rileva un potenziale rischio di collisione, frena l'auto limitando le probabilità d'incidente, ma solo quando la velocità supera 15 km/h. A velocità più basse, invece, (tra 4 e 30 km/h) lo Smart City Brake Support frena l'auto o ne riduce la velocità in modo che il guidatore possa mantenere il controllo ed evitare la collisione con l'auto che proviene frontalmente, rilevata dal FOW. Il Distance Recognition Support System misura costantemente la distanza dal veicolo che precede e informa il guidatore in quanti secondi raggiungerà l'auto davanti alla velocità con cui si muove.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Consiglio acquisto auto ibride fino a 40.000 euro

I fari a LED adattivi fanno l’86% di luce in più ma negli USA sono illegali

Guida autonoma: faremo il doppio dei viaggi in auto secondo uno studio