Honda sperimenta un nuovo sistema anti-ingorgo

La casa giapponese sta lavorando a un dispositivo che insegnerà ai conducenti ad adottare uno stile di guida adatto a non creare ingorghi

8 maggio 2012 - 6:00

La casa nipponica sta mettendo a punto un sistema che potrebbe aiutare a prevenire gli ingorghi del traffico e, di conseguenza, ad aumentare la velocità media di un veicolo. Contemporaneamente, diminuirebbero anche i consumi di carburante, il livello di emissioni inquinanti e anche il pericolo di tamponamenti.

PREVENIRE È MEGLIO CHE INFORMARE – La tecnologia, che secondo Honda è la prima al mondo di questo genere, si basa su un concetto innovativo: invece di fornire al conducente informazioni che possono servire soltanto a evitare un ingorgo già in corso, la casa ha pensato che sia meglio monitorare il suo comportamento di guida e suggerirgliene eventualmente uno che possa contribuire attivamente a non creare l'ingorgo stesso. Per essere più precisi, il sistema Honda verifica le accelerazioni e le decelerazioni del veicolo per determinare se chi lo guida ha uno stile “nervoso”, cioè una condotta che costituisce il primo passo per la creazione di un ingorgo del traffico. Dopo averlo accertato, il sistema suggerisce al conducente uno stile più fluido fornendogli le indicazioni necessarie tramite un display a colori.

VANTAGGI SIGNIFICATIVI – Le tecnologia sulla quale si basa il sistema, che Honda spera di riuscire presto a rendere disponibile sl mercato, è stata sviluppata dalla casa nipponica insieme al Centro di Ricerca per la Scienza e la Tecnologia Avanzate dell'Università di Tokyo. Honda ha già verificato che permette di aumentare la velocità media dei veicoli di circa il 23% e di diminuire i consumi di carburante più o meno dell'8%. I primi test hanno dimostrato che questi risultati possono inoltre essere ulteriormente migliorati (rispettivamente del 16 e del 5%) collegando tra loro i terminali di bordo dei veicoli vicini per sincronizzare la guida dei conducenti mediante l'interazione tra i rispettivi ACC (Adaptive Cruise Control) che sono in grado di mantenere una distanza costante tra i veicoli. I test del dispostivo sulle strade pubbliche inizieranno in Italia durante questo mese di maggio e in Indonesia il prossimo luglio.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Consiglio acquisto utilitaria: budget fino a 10.000 euro

Ciclisti più spericolati degli automobilisti? Uno studio spiega perché

Cassazione: omicidio stradale, l’imprudenza altrui non è un’attenuante