H2Roma: “Gli incentivi statali? Una delusione”

Così il fondatore di H2Roma, Fabio Orecchini, durante la conferenza stampa di presentazione della XI edizione della kermesse romana

9 novembre 2012 - 14:30

Durante la conferenza stampa di presentazione della manifestazione H2Roma, in corso a Roma dal 8 al 10 novembre, Fabio Orecchini, fondatore e Presidente del Comitato scientifico di H2Roma energy&mobility,  stuzzicato dai giornalisti in sala si è espresso con disappunto riguardo al risultato finale degli ecoincentivi emanati dal Governo e che avrebbero come obbiettivo il rinnovamento del parco circolante per il triennio 2013-2015. Tuttavia, dopo oltre 6 mesi di audizioni in cui Orecchini è stato ascoltato come tecnico in 2 commisioni parlamentari separate (poi unite tra loro), si è arrivati all’approvazione in parlamento di un articolo di legge, modificato rispetto a quello approvato dalle commisioni, assolutamente deludente come già vi abbiamo raccontato. Insomma la montagna ha partorito il topolino e a questo si aggiunge la nota situazione degli ecoincentivi 2012 per GPL e Metano, finiti in 24 ore.

IL FUTURO CHE VOGLIAMO – Questo il motto dell’undicesima edizione di H2Roma, manifestazione che, secondo gli organizzatori, è la più importante a livello internazionale tra quelle che propongono l’incontro tra il grande pubblico, la ricerca indipendente e i maggiori gruppi industriali. La tematica più affrontata sarà quella delle fonti rinnovabili come vettore energetico dei motori Fuel Neutral, ambìta condizione di mercato in cui tutte le tecnologie sono alla pari dal punto di vista economico (non ci sono cioè sussidi economici di Stato che privilegino un carburante o un altro), e la clientela può scegliere liberamente la soluzione che più si adatta alle proprie esigenze (a patto, ovviamente, di avere una rete infrastrutturale adeguata). H2Roma punta a far conoscere al grande pubblico le possibilità che la tecnologia offre per la realizzazione di un sistema energetico efficiente ed in grado di assicurare una mobilità sostenibile; per fare ciò si discuterà di come sia possibile coniugare i risultati della ricerca nel campo della mobilità sostenibile con la reale capacità da parte del mercato di rendere questi risultati immediatamente fruibili.

IDRIDO COSTOSTO? SCELTA COMMERCIALE – Sulla scia di quanto detto riguardo ai motori Fuel Neutral, per Fabio Orecchini il fatto che l’ibrido costi sul mercato più del diesel è una scelta puramente commerciale e di immagine delle case automobilistiche, perché dal punto di vista economico i costi di produzione dell'ibrido sono ormai confrontabili con quelli del diesel. Di conseguenza le case automobilistiche che hanno poca vendita di diesel (ad esempio le giapponesi, la Toyota Yaris Ibrida) offrono a prezzi concorrenziali, rispetto al diesel, le loro ibride mentre quelle case che hanno una forte quota di mercato di diesel (ad esempio le francesi) fanno pagare un consistente sovrapprezzo ai propri clienti rispetto alle vetture, proprio perchè non vogliono rinunciare ad una bella fetta di vendite.

L’IDROGENO NON E’ MORTO – La manifestazione romana era nata 11 anni fa proprio con l’intento di far conoscere la tecnologia dell’idrogeno applicata alla mobilità. Col passare degli anni però la presenza all’interno di H2Roma di vetture di questo tipo è andata scemando a favore di veicoli ibridi, elettrici o a metano (è esposto il solo prototipo Nissan a fuell cell mentre l’idrogeno applicato al motore a combustione interna è sparito, con buona pace dei contribuenti che hanno speso fior di quattrini per le stazioni di ricarica di idrogeno, vedi il caso della regione lombardia). “Nei prossimi anni l'idrogeno tornerà in auge – ha affermato però il prof. Orecchini – grazie allo sviluppo di nuove tecnologie fuel cell”. Staremo a vedere.

TEST DRIVE – Come da tradizione H2Roma permette di provare a tutti gratuitamente previo prenotazione online le vetture ecosostenibili di ultima generazione: 16 i diversi modelli di vetture disponibili. I visitatori che si recheranno a Roma presso il Salone delle Tre Fontane tra l'8 e il 10 Novembre potranno accedere anche ai convegni, ai workshop scientifici e alle tavole rotonde nonchè osservare l'esposizione di vetture e prototipi presenti di 13 vetture a basse emissioni BMW, Fiat, Citroen, Mercedes, Nissan (con il nuovo prototipo TeRRA), Peugeot, Renault, Smart, Toyota, Volkswagen e Volvo. In esposizione anche una bici elettrica  ed una microcar elettrica 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Sanzioni penali

Sanzioni penali del Codice della Strada: quali sono

Tesla: auto fuori garanzia, 8 mila dollari per il motore bruciato

Mini Cooper 2021: vince facile nel test dell’alce, ma a quale prezzo?