Guidatori del Sud: bravi ma penalizzati?

Secondo una recente indagine, i guidatori del Sud fanno meno incidenti, ma la polizza auto costa di più

16 maggio 2012 - 6:00

Stando a un'indagine SuperMoney (portale per il confronto delle Rca), gli automobilisti del Mezzogiorno sono più corretti dei “colleghi” del Centro-Nord, ma continuano a essere penalizzati con costi assicurativi più elevati.

LUOGO COMUNE – Quindi, il meridionale che a Napoli e dintorni causa molti incidenti sarebbe, secondo lo studio, un luogo comune da sfatare. Questo è emerso dalle richieste di preventivo pervenute al sito nel primo quadrimestre 2012. Risultato: i guidatori residenti al Sud, negli ultimi cinque anni, hanno fatto meno incidenti di quelli del Centro e del Nord, ma le loro tariffe Rca sono più elevate. Per la precisione, tra i guidatori residenti al Sud, soltanto l'11% ha dichiarato di aver fatto un incidente con colpa negli ultimi 5 anni; al Nord questa percentuale è pari al 12,7%, mentre al Centro sale al 15,1%.

MAGGIORI RINCARI – Dall'indagine balza all'occhio che, in caso di sinistro, le Rca del Sud non subiscono però rincari elevati: i prezzi sono quindi omogeneizzati verso l'alto. Nel Meridione, la Rca media per chi non ha fatto alcun incidente negli ultimi cinque anni, è di 1.456 euro: costo che sale a 1.565 euro per i guidatori che dichiarano almeno un sinistro nel quinquennio precedente. L'aumento di prezzo, in questo caso, è pari ad appena il +6,37% per ogni incidente. Insomma, il costo dell'assicurazione non pare tanto determinato dalla sinistrosità del singolo guidatore, quanto piuttosto dal luogo di residenza. Al contrario, al Centro e al Nord i prezzi delle polizze per chi non ha mai fatto incidenti sono più contenuti, ma aumentano proporzionalmente molto di più rispetto al Sud. Al Nord infatti un virtuoso pagherà in media 920 euro, che lievita a 1.074 euro (+13,78% per incidente) per i guidatori che si macchiano di un sinistro con colpa.

COMPAGNIE LIBERE – Il fatto è che le Compagnie sono libere di imporre le Rca che vogliono: è la liberalizzazione, esistente dal 1994. E possono dare il peso che credono ai vari fattori, tra cui la residenza. Se per le statistiche delle Assicurazioni, il napoletano è più a rischio incidente del bolzanino, il primo pagherà di più. Anche perché al Sud le truffe Rca sono molto più elevate. Ora, col colpo di frusta più difficilmente rimborsabile, è auspicabile che le Rca scendano anche a Napoli, Caserta, Foggia e dintorni.

1 commento

andrea
15:37, 16 maggio 2012

Non so come fa supermoney a fare le indagini, ma il suo risultato è contrario a tutte le statistiche. Poi si parla di ” l'11% ha dichiarato di …”. Non è che al sud molti hanno mentito all'intervistatore?

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto nuove, prezzi sino a +24% rispetto al listino negli USA

Sinistro catastrofale

Sinistro catastrofale: che cos’è e come viene gestito

Trasporto auto elettriche: servono navi speciali “antincendio”