Questo sito contribuisce alla audience de

GPS economici e imprecisi: ogni anno perdiamo 29 ore a cambiare strada

I satelliti sono precisi ma i navigatori un po' meno: l'indagine-shock su 2 mila guidatori di MyTaxi rivela che fanno perdere 29 ore l'anno

GPS economici e imprecisi: ogni anno perdiamo 29 ore a cambiare strada
Le carte stradali sono ormai nel dimenticatoio? Sembra proprio di si, visto che i sistemi di navigazione di ogni tipo (quello basato sulla costellazione di satelliti GPS è il più usato e conosciuto ma anche il sistema europeo Galileo è promettente) sono ormai presenti in tantissimi oggetti di uso quotidiano. Le loro antenne e i processori che elaborano i segnali sono infatti così minuti da poter essere installati anche in un orologio o nel più sottile dei cellulari. Se i satelliti sono precisi al miliardesimo di secondo, i navigatori che li usano sembrano esserlo molto meno: un'indagine che ha coinvolto 2.000 guidatori di MyTaxy ha concluso che il tempo perso a causa di indicazioni sbagliate arriva a 29 ore l'anno.

MA DOVE MI PORTI?

"Girare a destra": sì, ma verso una strada a senso unico impossibile da imboccare! Quante volte ci siamo trovati in situazioni come questa, che ci hanno costretto a prendere una via a caso sperando che il cellulare o il navigatore, portatile o di serie che fosse (leggi dei navigatori di Jaguar Land Rover che portano a percorsi in fuoristrada), trovasse un percorso alternativo in tempi brevi.
Anche se spesso il ricalcolo è veloce, la somma di tutti questi tempi morti raggiungerebbe, nell'arco di un anno, le 29 ore: quasi una settimana di lavoro! A dirlo è un'indagine che MyTaxi, l'Azienda che produce la conosciuta app che mette in contatto i tassisti e i potenziali passeggeri, ha condotto recentemente.

ARRABBIARSI CON IL NAVIGATORE

Lo studio, come riportato da Forbes, ha coinvolto 2.000 autisti che partecipano al servizio MyTaxi nel Regno Unito e ha concluso che i guidatori sprecano ogni anno mediamente 29 ore a causa di un impreciso o scadente routing del navigatore GPS. Nella poco ambita graduatoria degli aspetti più fastidiosi di questa tecnologia spicca il primo posto delle "direzioni confuse e non comprensibili", citate dal 27% degli intervistati. Questo ha portato Andy Jones, direttore generale di MyTaxy UK, ad affermare che "i navigatori satellitari sono indubbiamente un enorme aiuto per molte persone, ma non sono certamente infallibili". Le risposte al questionario evidenziano anche aspetti curiosi, come un 47% degli intervistati che ha riferito di poter diventare così astiosi verso i loro navigatori da arrivare ad esprimere verbalmente un "disaccordo" con loro.
Se aggiungiamo che il 31% si è messo proprio a gridare e litigare con il sistema di navigazione, "come se fosse una persona reale" (leggi che quasi un italiano su 2 litiga in viaggio con il passeggero) allora si capisce bene quanto possa essere frustrante un'indicazione sbagliata.

MAPPE E SERVIZI

La "colpa" non è ovviamente da addossare soltanto ai dispositivi ma è anche da "imputare al fatto che molti di essi non sono aggiornati con le mappe più recenti e magari non utilizzano i servizi live che, oltre ad aggiornare i dati sul traffico, permettono anche di evidenziare eventuali cambiamenti improvvisi nella viabilità", come spiegato da Finlay Clark, responsabile della filiale del Regno Unito di Waze, la famosa app di navigazione con dati condivisi. Ma l'indagine ha evidenziato anche un altro aspetto, che chi legge SicurAUTO.it conosce già: i dispositivi e software/mappe non hanno il 100% della colpa perché il fattore umano è importante. La maggioranza (è il 52%) dei guidatori ha infatti confessato di distrarsi quando è al volante con il navigatore acceso, affidando a "lui" la guida e prestando poca attenzione ai segnali stradali e ai punti di riferimento. Un fenomeno messo in luce da una ircerca cha ha certificato che troppo GPS spegne il cervello, un dato sul quale riflettere

Pubblicato in Attualità il 07 Giugno 2017 | Autore: Nicodemo Angì


Commenti


Cerca Crash Test Auto

Stai per acquistare un’auto? Controlla se è davvero sicura! Clicca e scopri