Gli italiani e le riparazioni della propria auto

Gli italiani preferiscono affidarsi ad esperti per far riparare la propria vettura

2 marzo 2012 - 7:00

I sondaggi possono servire per comprendere come il popolo di una nazione ragioni. Questa volta scopriamo, grazie alla compagnia assicurativa Direct Line, come si comportano gli italiani di fronte ai guasti della loro amata automobile.

LE COMPETENZE DEGLI ITALIANI – Dal sondaggio risulta che il 54% degli intervistati, quindi più di un italiano su due, dichiara di non avere le competenze adatte per intervenire sulla propria vettura in caso di guasto. Quasi uno su tre, il 31%, si dice più ferrato esclusivamente in materia di motori, sui quali dichiara di poter effettuare riparazioni di diverso tipo. Il 12% degli intervistati afferma di essere appassionato di motori e di occuparsi regolarmente della manutenzione dell'auto che non vuole far toccare a nessuno. Uno sparuto 2% confessa invece di essere del tutto negato.  

LE RIPARAZIONI PRINCIPALI – Ci sono parti dell'auto che gli automobilisti riparano più facilmente, tra questa, il cambio della gomma risulta in prima posizione per il 75% degli intervistati, seguono il controllo di acqua, olio e candele, per il 70%, e l'installazione delle catene da neve, per il 60%. C'è poi chi si diverte ad effettuare piccole modifiche e personalizzazioni del motore (l'11%). I più esperti di manutenzione, e i più interessati, sono gli over 45, mentre l'8% degli under 25 ammette di non curarsi neanche delle spie luminose che si accendono a bordo e di non accorgersi di eventuali guasti al motore.

LE REAZIONI – Secondo i dati raccolti da Direct Line, in caso di auto in panne gli italiani reagiscono in diversi modi. Per esempio, il 66% degli intervistati, quindi 2 italiani su 3, chiama direttamente il soccorso stradale, il 10% preferisce invece chiedere aiuto a un passante, in particolare il 13 % delle donne e il 7% degli uomini. I più coraggiosi (8%) dichiarano di incamminarsi alla ricerca di una stazione di servizio, mentre il 16% prova ad aggiustare il guasto da solo, in particolare il 26% di uomini e il 6% di donne.

OLTRE LA METÀ NON CI METTE LE MANI – “I dati del sondaggio – ha dichiarato Barbara Panzeri, Direttore Marketing Direct Line –  rivelano che più della metà degli italiani non si sente in grado di intervenire sulla propria auto in caso di guasto. Comprendiamo anche che il legame tra auto e automobilista possa portare qualcuno a non volerla lasciare nemmeno in mano al meccanico, tuttavia è importante che il check up della vettura sia fatto sempre in modo scrupoloso e professionale; tutto ciò a vantaggio della sicurezza propria e di quella degli altri, soprattutto se il veicolo ha più di 4 anni”.

IL FAI DA TE È QUASI SEMPRE VIETATO – Per quanto piccoli aggiustamenti possano anche essere apportati dagli automobilisti, è sempre meglio affidarsi a chi di mestiere si occupa di motori e vetture in generale. La sicurezza parte dalla prevenzione e del resto, buona parte del fai da te finalizzato alla modifica dell'auto è vietato dalla legge.

2 commenti

Mapo
17:10, 30 dicembre 2014

L” automobilista ignorante che non sa fare niente è non capisce niente è obbligato a portare l” auto in officina !

Giamo
16:18, 22 gennaio 2015

Sono balle !
Le riparazioni fai da te non sono vietate in Italia !
L” auto è una proprietà privata è nessuno può vietare ad un proprietario di un “auto di effettuare sulla sua proprietà privata qualche riparazione o manutenzione .

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Safety Days 2022

Safety Days 2022: zero vittime della strada in 12 Paesi UE

Targhe estere UE boccia il divieto

Targa personalizzata auto: si può avere in Italia?

Offerte auto con rottamazione

Offerte auto con rottamazione: ottobre 2022