Forlì, pedoni più sicuri in 50 punti della città

Pedoni più tranquilli. Sono in arrivo circa 50 interventi strutturali negli attraversamenti di Forlì. Il piano "Zebre sicure", prevede la messa in sicurezza delle strisce pedonali con...

27 ottobre 2010 - 7:00

Pedoni più tranquilli. Sono in arrivo circa 50 interventi strutturali negli attraversamenti di Forlì. Il piano “Zebre sicure”, prevede la messa in sicurezza delle strisce pedonali con nuove caratteristiche, come ad esempio un diverso tipo di illuminazione che mette in luce il busto del pedone, non più solo la testa. Il primo arriverà, al massimo tra un mese, in viale Salinatore, all'altezza del nuovo parcheggio. Il secondo intervento si chiamerà “attraversamento Alice” e verrà effettuato nel punto dove perse tragicamente la vita, nel gennaio del 2009, l'11enne Alice Valenti.

Considerando che l'11% della mobilità urbana della città di Forlì è costituita da pedoni, il Comune continua il progetto della tutela delle fasce più deboli, “anche alla luce del fatto che – spiega il vicesindaco, Giancarlo Biserna – il numero degli incidenti è diminuito grazie agli interventi messi in campo: zone 30, piste ciclabili, piano parcheggi”. Anche il presidente di Aspas, Giordano Biserni plaude all'iniziativa: “Non siamo in un territorio di particolare rischio, con 6 incidenti mortali che hanno coinvolto pedoni dall'inizio dell'anno, considerando che in media perdono la vita 648 pedoni all'anno. Ma questi interventi sono fondamentali ed arrivano in concomitanza con le modifiche al codice della strada, che introducono una massima tutela del pedone”.

Da parte della Polizia Municipale, assicurano il comandante, Elena Fiore ed il commissario capo, Andrea Gualtieri, “ci sarà l'intensificazione dei presidi a ridosso degli attraversamenti pedonali, nelle vie più trafficate e nei punti di maggiore incidentalità, anche in abiti civili, perchè si sappia che dove sarà installata la nuova segnaletica il controllo ci può sempre essere. Repressione abbinata a prevenzione e informazione”. Gli incidenti nei quali sono stati coinvolti pedoni sono diminuiti: dai 51 del 2008, ai 46 del 2009, ai 31 di quest'anno. “Purtroppo – spiega Gualtieri
– accade troppe volte che manchi la comunicazione visiva tra pedone e conducente, che il ciclista che attraversa non scenda dalla bicicletta o che il pedone non utilizzi le zebre”.

Per individuare i punti dove gli interventi erano più necessari, viste le risorse sempre più scarse, (la manutenzione ordinaria degli attraversamenti pedonali continua), l'amministrazione si è basata sui dati forniti dall'Osservatorio sull'incidentalità stradale. ” Si tratta di interventi – continua Claudio Maltoni, responsabile comunale della mobilità – atti a migliorare la percezione degli attraversamenti pedonali. Nelle strade dove il coefficiente di incidentalità è più alto di notte, abbiamo investito sull'illuminazione, come, ad esempio, su viale Roma, sia a livello orizzontale ('occhi di gatto' bianchi a luce riflessa lungo il bordo delle zebrature), sia per rendere più visibile il pedone (con due pali dotati di proiettori 'al busto')”, inoltre è prevista l'isola spartitraffico centrale per lo sfalsamento dei flussi pedonali, con lampeggianti. Chiaramente non mancherà l'apposita segnaletica verticale e sui cordoli i marker solari luminosi.

Proprio per questi ultimi, nell'attraversamento pedonale di viale Salinatore, all'altezza della scalinata che porta al nuovo parcheggio pubblico, è arrivato un regalo di compleanno. Una pediatra forlivese, Francesca Vaienti, ha festeggiato i 38 anni del fidanzato donandogli la cifra per acquistare l'illuminazione a led in questa zona.

Per il primo intervento di viale Salinatore la spesa stimata è di 18.535 euro. Per quello in viale Roma, che verrà spostato rispetto all'attuale collocazione davanti alla Caserma De Gennaro, di 40m verso il quartiere Ronco, sono stati preventivati 20.974 euro. Sulle le tempistiche il vicesindaco non si sbilancia: “Per effettuare tutti e 50 gli interventi, sarebbe già un successo se bastasse questa legislatura”.

 

Chiara Fabbri  – romagnaoggi.it

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Lo Psicologo del Traffico 15 anni dopo: chimera o realtà?

Strisce blu Venezia

Strisce blu Venezia: mappa, orari e tariffe

L’auto protegge dai fulmini di un temporale?