Ford Emergency Assistance: viaggiate tranquilli

In caso di incidente il sistema chiama automaticamente i soccorsi

1 giugno 2012 - 11:00

Un incidente può capitare a tutti, si sa. Basta una chiamata e i soccorsi giungono sul posto. Già, i soccorsi. Ma se non fossimo in grado di chiamarli fisicamente a causa di lesioni o di una momentanea perdita dei sensi? E, visto che le disgrazie non vengono mai da sole, se ci aggiungiamo che lo spiacevole evento è avvenuto in una zona isolata o di notte, come si fa? In certi casi, la tempestività dei soccorsi è fondamentale e qualche minuto in più può fare veramente la differenza. Per questo la Commissione Europea ha obbligato i costruttori ad installare sui propri veicoli a partire dal 2015 il sistema salvavita eCall. Sistemi simili sono già disponibili in abbinamento ad alcuni sistemi antifurto offerti dalle case madri (vd. Volvo On Call), o aftermarket da alcune assicurazioni (vd. SestoSenso Allianz).

COS'E' – L'eCall è un dispositivo di chiamata automatica (che all'occorrenza può funzionare anche in manuale) che in caso di incidente attiva immediatamente una chiamata al numero unico d'emergenza europea 112. Al suo interno integra un sistema di geolocalizzazione (GPS) che provvederà a trasmettere ai soccorsi la propria posizione con estrema accuratezza (rilevando anche data e ora del crash nonchè la direzione del viaggio). Nessun pericolo per la privacy visto che il dispositivo è perennemente in una fase dormiente ed interviene solo in caso di necessità.

INNOVAZIONE MONDIALE – Ford si è preparata con anticipo all'obbligo imposto dalla UE ed allo scorso Mobile World Congress di Barcellona ha presentato il suo sistema basato su tecnologia SYNC (che racchiude al suo interno le funzionalità di connettività e comandi vocali avanzati) con Emergency Assistance (premiato con il Globale Mobile World come migliore innovazione digitale nel settore trasporti dello stesso MWC). In caso di incidente, SYNC effettua una telefonata attraverso un telefono connesso tramite tecnologia Bluetooth. Successivamente un messaggio introduttivo comunica l'avvenuto incidente e la relativa posizione ricavata tramite GPS. Ecco che interviene l'Emergency Assistance telefonando direttamente al 112 senza l'intermediazione di Call Center esterni.

I NUMERI – Uno studio commissionato dall'UE ha evidenziato che il sistema eCall può addirittura dimezzare i tempi di intervento dei soccorsi. In Nord America Ford ha già venduto 4 milioni di veicoli dotati del sistema SYNC con funzione 911 Assist (negli USA il 911 è l'omonimo del 112). “Non ricordo esattamente la dinamica dell'incidente che mi ha quasi ucciso,” ha spiegato Michael Hicks, di San Antonio, Texas. “Ho battuto la testa, e tutto quello che ricordo è il momento in cui mi sono svegliato in un ospedale di Austin. Mi hanno spiegato che mi hanno trovato nella mia vettura, ribaltata, in un fiume. L'auto si stava riempiendo d'acqua quando mi hanno tirato fuori. Se il SYNC non avesse chiamato il 911, sarei morto. Il SYNC mi ha salvato la vita.” Una testimonianza che evidenzia tutta la bontà del dispositivo Ford. “L'Emergency Assistance è una funzione di cui speriamo i nostri clienti non debbano mai avere bisogno,” ha spiegato Barb Samardzich, Vice Presidente Sviluppo Prodotti, di Ford Europa. “Ma riteniamo che sia in grado di fare la differenza, sia in caso di necessità, sia perché garantisce una maggiore serenità alla guida.” L'Emergency Assitance debutterà in Europa a bordo della nuova B-MAX assieme al sistema di connettività SYNC.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Acquisto auto nuova: per il 50% degli europei con un motore a combustione

Tesla usata: quanto dura la garanzia del Costruttore?

Assemblea Ania

Assemblea Ania: RC auto in calo del 5%, ma si può fare di più