Fondazione CRC: al via il progetto 'Sicuri per scelta'

Giovedì 18 marzo 2010 è stato presentato presso la Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo il materiale operativo di 'Sicuri per Scelta. Muoversi con intelligenza', progetto di educazione alla ...

20 marzo 2010 - 13:40

Giovedì 18 marzo 2010 è stato presentato presso la Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo il materiale operativo di 'Sicuri per Scelta. Muoversi con intelligenza', progetto di educazione alla sicurezza stradale promosso dalla Fondazione CRC e frutto di un lavoro che ha visto la partecipazione di molti soggetti del territorio cuneese che si occupano di questa tematica. Si tratta di un progetto di lungo periodo, ideato in collaborazione con esperti in psicologia della mobilità e in comunicazione educativa, che ha l'obiettivo di favorire la crescita in sicurezza dei giovani cittadini. Si è scelto come target principale dell'intervento le età rappresentative dello sviluppo individuale: a partire dalla crescita nell'utero materno, la nascita e successivamente il compimento dei 3, dei 6, degli 11, dei 14 e dei 18 anni.

Attraverso i bambini, nel loro percorso di crescita fino alla maggiore età, si cerca di sensibilizzare il maggior numero di persone possibile. Per ognuna delle tappe dello sviluppo sopra indicate, come una sorta di 'regalo di compleanno', verrà consegnato un kit ludico-educativo che trasmette ad ognuno dei destinatari, in modo divertente e proattivo, le informazioni necessarie per mettere in atto atteggiamenti di autotutela e sicurezza sulle strade.

La distribuzione dei materiali, in parte anche in versione plurilingue, coinvolgerà medici, farmacisti, sedi delle forze dell'ordine, punti nascita degli ospedali, ma in primo luogo le scuole, nei vari ordini a seconda delle fasce d'età. Per il primo anno, è prevista la distribuzione di oltre 14.000 kit, che raggiungeranno circa il 45% del target di riferimento, bambini e famiglie della provincia di Cuneo. Nutrito è il gruppo di partner che hanno aderito al progetto:
– Il Cress Piemonte (Coordinamento Regionale di Educazione alla Sicurezza Stradale, tavolo di coordinamento tra Assessorati della Regione Piemonte interessati al tema e Ufficio Scolastico Regionale);
– l'Ufficio Scolastico Regionale e Provinciale;
– le Asl (Cuneo 1 e Cuneo 2) e l'Azienda Sanitaria Ospedaliera della Provincia di Cuneo;
– l'Ordine dei Medici e l'Ordine dei Farmacisti della Provincia di Cuneo;
– tutte le Forze dell'Ordine della Provincia, incluse le Polizie Municipali, coordinate dalla Prefettura di Cuneo;
– gli insegnanti delle scuole della Provincia, in particolare i referenti di istituto per la sicurezza stradale.

Il riccio, simpatico animale dei boschi piemontesi, è stato scelto come mascotte di questo progetto per le sue caratteristiche peculiari. Animale amichevole (convivenza civile), indipendente (autonomia), capace di proteggersi grazie agli aculei (autotutela), è anche chiaro esempio del rischio causato da un'eccessiva sicurezza in sé: infatti il 25% dei ricci finisce schiacciato dalle automobili. Questo progetto si inserisce all'interno del settore dell'educazione, che è diventato negli ultimi anni sempre più prioritario nell'azione della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo. “Con costante cadenza apprendiamo dai fatti di cronaca dei numerosi sinistri che avvengono sulle nostre strade; conosciamo l'incidenza, in termini di costi sociali ed economici, di questi infortuni e siamo convinti che la progressiva riduzione degli incidenti sia un traguardo di civiltà raggiungibile anche attraverso il comportamento delle persone che fanno parte della comunità. Riteniamo quindi indispensabile educare le nuove generazioni alla sicurezza stradale e, attraverso questo progetto offriamo al territorio uno strumento innovativo” afferma Ezio Falco, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo.

fonte – targatocn.it

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Kia Polonia: cartello su auto nuove, l’accusa dell’Antitrust

Incendi veicoli elettrici a Londra: +300% nel 2021

Sciopero 25 febbraio 2022 metro bus

Fermata autobus: regole per veicoli e pedoni