Fiat 500L: è arrivato il City Brake Control

Dopo 6 mesi dal lancio la Fiat 500L si equipaggia del City Brake Control, il sistema anti-collisione che frena da solo

Fiat 500L: è arrivato il City Brake Control
Ci aveva lasciati perplessi la scelta di presentare la Fiat 500L con un equipaggiamento votato più al confort che alla sicurezza attiva, ma la Casa torinese ha finalmente accontentato anche chi al caffè in auto preferisce contenuti tecnologici. Il City Brake Control, che riconosce gli ostacoli ad andatura urbana, completa l'equipaggiamento dei sistemi sicurezza attiva e passiva che hanno permesso alla piccola MPV di conquistare le 5 stelle nel crash test Euro NCAP.

A RICHIESTA SU (QUASI) TUTTE

Come la sorella più piccola, il sistema che riconosce gli ostacoli in città e aiuta il guidatore ad evitare una collisione si è fatto attendere per qualche mese, ma, a differenza della nuova Panda, la Fiat 500L riserverà il City Brake Collision a quasi tutti gli allestimenti. Presentato sulla Panda come LSCM (Low Speed Collision Mitigation) e poi ribattezzato in CBC, il sistema anti-collisione è offerto a richiesta al prezzo di 250 euro (iva inclusa) con gli allestimenti Pop Star, Easy e Lounge. E' tagliato fuori dal must della sicurezza attiva solo l'allestimento "base" Pop che può contare su 6 Airbag, controllo di stabilità ESC con ASR/MSR, ABS+EBD, assistente per le partenze in salita Hill Holder, controllo antiribaltamento ERM e sterzo attivo DST, che in caso d'intervento dei sistemi di controllo di stabilità, agisce sul volante fornendo una coppia sterzante al momento opportuno.

LA PRIMA 500 CHE "VEDE" LA STRADA

Il sistema sarà condiviso da entrambi i segmenti (A per Panda e mini-MPV per 500L) ed equipaggerà con ogni probabilità anche i futuri 17 modelli in cantiere per gli stabilimenti italiani Fiat. A differenziare il funzionamento del City Brake Control sarà solo la taratura dovuta alle diverse caratteristiche delle due auto ma l'effetto sarà lo stesso: frena autonomamente fino a 30 km/h per evitare una collisione. In città si prospetta un validissimo assistente di guida nel traffico, sarà sempre attivo a ogni avviamento e potrà essere disattivato e riattivato manualmente dal Menu di Setup del display (anche se non lo consigliamo). Tra 5 e 30 km/h, se il laser posto sul parabrezza rileva un ostacolo, il City Brake Control si attiva per arginare una situazione di pericolo con interventi differenti in base ai parametri misurati.

PROVA A EVITARE L'IMPATTO

A seconda delle condizioni del fondo stradale, della dinamica e traiettoria dei veicoli, disposizione degli ostacoli e stato degli pneumatici, il CBC riceve i dati dall'ESC e interviene nel tentativo di evitare completamente l'urto ('Collision Avoidance') o ridurne le conseguenze ('Collision Mitigation'). In particolare, se la sagoma dei due veicoli è sovrapposta almeno per il 40% e l'angolo d'impatto è inferiore a 30 gradi (attenzione quindi a non distrarsi nelle rotatorie), il sistema attiva la funzione Prefill, che precarica il sistema frenante al fine di consentire una risposta più pronta dei freni quando rileva un rischio d'impatto, mentre il Brake Assist riconosce le situazioni di emergenza e modifica la risposta al pedale freno. Se il guidatore non interviene rallentando l'auto o la collisione si prospetta inevitabile, entra in azione la frenata automatica Automatic Emergency Braking (AEB) che tenta di limitare i danni di un tamponamento.

Pubblicato in Sistemi di sicurezza il 11 Gennaio 2013 | Autore: Donato D'Ambrosi


Commenti

andrea fumagalli il giorno 12 Gennaio 2013 ha scritto:

Mi piacerebbe sapere perché vengono prese determinate precauzioni nel sistema "collision mitigation" quando il sistema agisce solo dopo aver constatato che il conducente non interviene. Non sarebbe meglio intervenire subito ed aver quindi maggior probabilità di evitare l'ostacolo anziché limitarsi a ridurre i danni?

Manutenzione Lampade Auto

Cerca Crash Test Auto

Stai per acquistare un’auto? Controlla se è davvero sicura! Clicca e scopri