Ennesimo calciatore che "vola? in auto: Melo a 300 km/h

Ancora un calciatore protagonista di una gravissima infrazione al Codice della strada: un "vizio? molto diffuso fra la categoria

9 ottobre 2013 - 8:00

Il filmato che potete vedere in basso mette malinconia: un calciatore brasiliano ricchissimo, Felipe Melo, in forza ai turchi del Galatasary (ha giocato in Italia nella Fiorentina e nella Juve), che guida, senza esserne capace, una Ferrari 430 Scuderia a 300 km/h. Impugna male il volante (sbagliata la posizione delle mani, fra l'altro), è tesissimo (come si nota anche dalla rigidità delle spalle) e “vola” a una velocità pericolosissima, mettendo a repentaglio la sicurezza altrui e la propria. Un “vizio” molto diffuso fra i calciatori quello di correre all'impazzata in macchina, sovente sotto l'effetto di alcolici.

COME IL COLLEGA BENZEMA – Nulla conta il fatto che, secondo alcuni, la folle corsa di Melo risalga a un paio d'anni fa, e che solo ora sia stata postata in YouTube: resta la squallida immagine di un guidatore abbastanza imbranato, che fa una violazione gravissima al Codice della strada, molto carico di tensione in volto. A marzo 2013, è stata la volta di Karim Benzema, calciatore francese di 25 anni, attaccante del Real Madrid: piuttosto rapido in campo, e a quanto pare fin troppo veloce quando guida l'auto. Infatti, è stato pizzicato da un autovelox a 216 chilometri all'ora in un tratto di strada in cui il limite era di 100, mentre girava in una zona di Madrid sulla sua Audi. Il fatto risale al 3 febbraio scorso: poche ore prima la squadra di Mourinho aveva perso contro il Granada in un match di Liga finito 0-1 per un autogol di Cristiano Ronaldo. Ma l'autovelox, al fianco dell'Audi, ha immortalato una Porsche che viaggiava a 260 chilometri all'ora e che, secondo alcune indiscrezioni, potrebbe appartenere a un suo compagno di squadra. Il club madrileno però smentisce. Secondo il sito del quotidiano spagnolo Marca, Benzema rischia ora il ritiro della patente da 1 a 4 anni, oltre a una pena detentiva che va dai 3 ai 6 mesi, più una multa tra i 5 e i 400 euro al giorno per un periodo che va dai 6 ai 12 mesi. Comunque, poco per un calciatore che guadagna cifre elevatissime.

SENTIRSI INVINCIBILI – Come abbiamo già evidenziato in altre occasioni, troppo spesso i calciatori si rendono protagonisti di episodi del genere in auto: quasi fossero “sopra tutto e tutti” per il solo fatto che guadagnano una montagna di quattrini, hanno fama e gloria. Viene in mente l'episodio di Bertolo (peraltro giocatore di caratura nettamente inferiore al francese), quando venne pizzicato ubriaco alla guida, è poi denunciato per oltraggio a pubblico ufficiale; oppure l'autogol del Bologna, coi pass disabili falsi, o Luca Toni, fermato in stato d'ebbrezza, o ancora un calciatore belga (Jonathan Legear) che qualche mese fa – ubriaco – ha sfondato la vetrina di un negozio a bordo della suo costosissima Porsche. Senza contare che, nel 2008, l'allora portiere di Plymouth, Luke McCormick, distrusse la vita della famiglia Peak in un incidente stradale: era ubriaco fradicio e guidava a velocità folle. E come dimenticare Balotelli che, nel 2010, andava in giro con gli amici a Milano (a bordo di un'Audi R8), sparando con una pistola giocattolo?

1 commento

Daniele
21:27, 9 ottobre 2013

Walter Röhrl diceva “Il problema è mantenere una velocità di pensiero che sia superiore alla velocità della macchina.”

Chi ha orecchie per intendere intenda

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Frenata automatica: ancora molti limiti nei test AAA da 50 km/h

Ztl Roma orari mappa permessi

Ztl Roma oggi in centro: mappa e come funziona

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)