Enjoy Fiat 500: 55.000 utenti a Milano!

A Milano, per il car sharing Enjoy, ben 55.000 clienti iscritti e 200.000 noleggi in soltanto tre mesi dall'attivazione del servizio

21 marzo 2014 - 7:00

La crescita del car sharing è inarrestabile. Il servizio di “auto in condivisione” si sta diffondendo sempre più a Milano, tanto per cominciare. E ci sono nuovi numeri che decretano ufficialmente il successo del car sharing Enjoy nel capoluogo lombardo: ben 55.000 clienti iscritti e 200.000 noleggi in soltanto tre mesi dall'attivazione del servizio. La possibilità di iscriversi gratuitamente e online, col riconoscimento immediato della patente e della carta di credito, è uno dei motivi per cui Enjoy sta facendo breccia. Ma a incidere, oltre all'utilizzo della sfiziosa Fiat 500 rossa, c'è anche un servizio innovativo e semplice che, dopo la registrazione, consente di noleggiare immediatamente un'auto Enjoy.

LA APP CHE “CATTURA” – Elemento fondamentale del successo di Enjoy è l'utilizzo dello smartphone che, attraverso l'App, consente di individuare rapidamente l'auto più vicina, prenotarla e aprirla, funzionando come un vero e proprio telecomando. L'App di Enjoy consente anche di visualizzare i dettagli del noleggio appena effettuato, tra cui il costo finale. Una rivoluzione con cui si è di fatto dematerializzato e semplificato il processo delle precedenti e attuali formule di car sharing che, al contrario di Enjoy, prevedono l'utilizzo obbligatorio di una card in plastica per noleggiare l'auto. Un caso tutto italiano di innovazione tecnologica realizzata – grazie alla proficua partnership con Fiat e Trenitalia – nell'ambito dei nuovi modelli di business legati alla sharing economy.

ANCHE ALTROVE – Ricordiamo che Enjoy costa 25 centesimi di euro al minuto, e 10 cent/minuto in sosta: con queste caratteristiche il car sharing di Eni ha conquistato i milanesi e da giugno approderà anche a Roma con una flotta di 600 Fiat 500. La prossima città coinvolta sarà Torino. Va evidenziato comunque che, in ordine di tempo, il primo car sharing privato a Milano è stato Car2Go di Mercedes: ha fatto scuola. Oggi la mobilità che piace è proprio questa, flessibile ed economica. Le Smart possono essere utilizzate per il periodo necessario e lasciate in ogni parcheggio pubblico all'interno degli oltre 120 chilometri quadrati dell'area coperta dal servizio, senza restrizioni in termini di tempo e senza richiedere il versamento di canoni mensili o annuali. Gli utenti registrati pagano solo in caso di effettivo noleggio con un prezzo al minuto “all inclusive”: tasse, assicurazione, carburante, costi di parcheggio e la congestion charge legata alla cosiddetta Area C.

LA NOSTRA COMPARATIVA – Di recente, SicurAUTO.it ha voluto anche effettuare un confronto fra i due i servizi di car sharing, con è possibile prenotare subito l'auto, usarla e lasciarla gratis in qualunque parcheggio consentito all'interno dell'area di copertura del servizio (strisce gialle, blu e posteggi riservati al servizio). Infatti, le Smart di Car2go s'incrociano con le Fiat 500 “rivali” dell'analogo servizio Enjoy, e così abbiamo approfondito cosa è importante sapere prima di dirigersi verso l'una o l'altra auto, entrambe parcheggiate proprio a pochi passi e in ogni angolo del centro di Milano. Al di là dei costi tariffari, prima di scegliere l'uno o l'altro servizio non può mancare una valutazione oculata anche sulla sicurezza offerta dalle due auto e sullo spazio a bordo. La Fiat 500 1.2 Pop protegge i 4 passeggeri con 6 airbag mentre la Smart Fortwo mhd con Start&Stop ha i due airbag frontali. Per saperne di più, cliccate qui.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Consiglio acquisto utilitaria: budget fino a 10.000 euro

Ciclisti più spericolati degli automobilisti? Uno studio spiega perché

Cassazione: omicidio stradale, l’imprudenza altrui non è un’attenuante