Ecco la nuova Renault Espace, trenta anni dopo l'originale

Al Salone di Parigi Renault ha presentato la quarta generazione della monovolume 7 posti Espace

3 ottobre 2014 - 15:35

Nel 1984, esattamente trenta anni fa, nasceva la prima Renault Espace e con lei il concetto di monovolume moderno, arrivato fino ai giorni nostri. Un'auto capace di avere sette posti per i passeggeri con una lunghezza di soli 4,25 metri, ma anche un'auto che sarebbe poi stata di ispirazione per decine di modelli arrivati negli anni seguenti. Oggi Renault crede ancora nell'Espace e ha deciso di investire in un segmento, quello dei grandi monovolume a 7 posti, che è stato abbandonato quasi da tutte le case automobilistiche. Lo ha fatto a modo suo, recuperando lo spirito della Espace originale e creando un'auto di grandi dimensioni ma con un equilibrio nelle proporzioni davvero stupefacente.

SPAZIO A VOLONTA' – La nuova Renault Espace di quarta generazione è stata svelata ieri al Salone di Parigi e riprende in gran parte le linee della concept Initiale Paris presentata l'anno scorso al Salone di Francoforte. I suoi punti di forza sono quelli che l'hanno da sempre caratterizzata: luminosità, modularità e grande confort a bordo. Quello che è evidente, in ogni caso, è la leggera 'svolta' dello stile verso il genere crossover. Lunga 4,85m, nelle configurazioni 5 o 7 posti, larga 1,87m e con un passo di 2,88m, ha un'altezza contenuta in 1,68 m (63 mm in meno rispetto all'attuale). All'interno, ovviamente, sono presenti tantissimi vani portaoggetti, mentre la capacità del bagagliaio, in configurazione cinque posti, è di 660 litri. 

TECNOLOGIA UTILE – Soffermandosi ancora sullo stile della Renault Espace, nel frontale spicca la 'firma luminosa' delle luci diurne che forma una 'C' asimmetrica all'interno dei proiettori anteriori, che sono completamente a LED su tutti gli allestimenti. All'interno spicca, invece, l'innovativa console centrale sospesa, disponibile solo con il cambio doppia frizione EDC, il cui selettore attiva un comando shift by wire elettrico. In questo modo il guidatore ha a disposizione un cruscotto completamente digitale sormontato da una palpebra che annulla i riflessi. La strumentazione è riprodotta da uno schermo TFT ad alta risoluzione con diverse schermate personalizzabili, mentre il sistema di infotainment è l'R-Link 2 di seconda generazione. Particolarmente innovativo e molto funzionale è il metodo, totalmente automatico, di ribaltamento dei sedili delle file posteriori: basta azionare l'apposita pulsantiera nel baule e si crea un piano di carico perfettamente piatto. 

MOTORIZZAZIONI – Sotto il cofano sono disponibili tre motorizzazioni, di cui due 1.6 turbodiesel: l'Energy dCi 160 EDC con tecnologia Twin Turbo, da 160 CV e 380 Nm di coppia a 1.750 g/min; l'Energy dCi 130 diesel, 130 CV e 320 Nm di coppia a 1750 g/min. L'unica unità a benzina è invece il 1.6 TCe 200 EDC da 200 CV e 260 Nm di coppia disponibile a 2500 g/min. Quattro, invece, le versioni disponibili, a cui corrispondono diversi tipi di ambienti: Life; Zen; Intens; Initiale Paris.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Pedoni regole per attraversare la strada

Pedoni: le regole per attraversare la strada

ADAS obbligatori dal 2022: l’elenco ufficiale va in Gazzetta UE

Auto senza chiavi: un’app risolverà i problemi più frequenti?