Ecco il regalo del federalismo fiscale: più tasse sull'RC auto

Dopo i rincari di accise sui carburanti e Ipt, ecco un'altra batosta per gli automobilisti: l'aumento dell'addizionale sull'RC auto. Potrà crescere fino al 16%

28 giugno 2011 - 14:03

C'era da aspettarselo, ma vederlo scritto a chiare lettere sulle “manovrine” dei comuni è comunque una cosa che fa masticare amaro. Il boccone avvelenato dovranno trangugiarlo gli automobilisti che, nell'ultimo trimestre dell'anno, vedranno rincarare la polizza RC auto (l'aumento sarà intorno ai 15 euro su base annua per un un'auto di media cilindrata) per colpa dei ritocchi all'addizionale che alcune province stanno per varare.

SONO 31 (PER ORA) – Al momento, le province che hanno chiesto al governo il “permesso” di aumentare l'addizionale sono 31, ma il loro numero potrebbe tranquillamente aumentare. Certo è che l'addizionale passerà dal 12,5 al 16%, il massimo previsto dalle legge. Questi i risultati del federalismo fiscale e dei mancati trasferimenti di denaro dal governo centrale agli enti locali, molti dei quali, per far quadrare i conti, nonostante gli inviti alla moderazione e alla riduzione delle spese lanciati dal ministro Maurizio Sacconi, hanno invece preferito far leva sull'aumento delle entrate. Il tutto, ovviamente, senza che al previsto salasso corrisponda un riscontrabile miglioramento dei servizi (almeno, nessuno finora ne ha parlato), né che la riduzione dei trasferimenti da Roma alle periferie si trasformi in una corrispondente diminuzione della pressione fiscale. In altre parole, le tasse statali non scendono, ma in compenso aumentano quelle locali.

PANTALONI DEBOLI – Se al rincaro dell'addizional RC auto si aggiungono la prevista manovra sull'Ipt (l'Imposta provinciale di trascrizione che si paga per immatricolare un'auto nuova e per il trasferimento a un altro proprietario di una usata) che in molti casi raddoppierà o peggio, e quella già tradotta in realtà che ha rincarato le accise sui carburanti, si ottiene, se mai ce ne fosse bisogno, un'ulteriore conferma di ciò che è noto da anni: In Italia, chi gorverna centralmente o localmente e a qualsiasi schieramento appartenga, quando ha bisogno di soldi non si fa il minimo scrupolo di prelevarli dalle tasche della categoria di Pantaloni più grande e più debole che ci sia: quella degli automobilisti.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Acquisto auto nuova: per il 50% degli europei con un motore a combustione

Incidenti stradali 2019 morti Europa

Rinuncia alla rivalsa: cos’è e come funziona

Tesla usata: quanto dura la garanzia del Costruttore?