Ecco come funziona il “Safety Tutor”

Un interessante filmato, disponibile sul canale Youtube della Polizia di Stato, svela tutti i segreti del funzionamento del dispositivo automatico di controllo della velocità autostradale

28 agosto 2011 - 18:30

Del Safety Tutor si sente parlare sempre più spesso e il sistema è ormai entrato a pieno titolo a far parte dell'immaginario collettivo (e, per qualcuno, anche degli incubi). Tuttavia da una ricerca si scopre che non sono poi molti gli automobilisti che ne conoscono a fondo il funzionamento.

SE NE PARLA MOLTO, MA POCHI LO CONOSCONO – La descrizione più concisa ed efficace degli scopi che si prefigge l'adozione del Safety Tutor è questa: “sistema che stabilisce la velocità media di un veicolo in un determinato tratto di strada”. I tratti autostradali nei quali il sistema è in funzione sono adeguatamente segnalati, e questo costituisce un deterrente contro la velocità elevata che, secondo le statistiche, rappresenta la causa di oltre il 60% degli incidenti mortali che avvengono sulla rete autostradale. Questi, espressi in forma molto schematica, i principi ispiratori del dispositivo. Ma in questo video della Poliia di Stato il lettore può apprenderne tutti i dettagli del funzionamento.

I VANTAGGI DELL'AUTOMATISMO – Il Safety Tutor individua e punisce chi, guidando a velocità superiore ai limiti imposti, può mettere a repentaglio la sua vita e quella degli altri. I dati relativi alle auto che invece hanno rispettato i limiti sono immediatamente eliminati dal sistema. Uno degli aspetti meno sottolineati del sistema è che è automatico, quindi la rilevazione delle velocità medie avviene senza intervento del personale di pattuglia delle forze dell'ordine, che possono quindi essere impiegate in altri servizi utili per la sicurezza stradale, come il soccorso, il rilievo di incidenti stradali, il controllo sul trasporto di merci pericolose, quello della rispondenza dei veicoli alle norme della circolazione e del Codice della Strada e quello dell'idoneità dei conducenti alla guida sotto il profilo della quantità di alcol o di sostanze psicotrope presenti nel sangue.

2 commenti

Pino
14:20, 29 agosto 2011

Non leggo che Tutor non funziona con gli automobilisti che non hanno il telepass.
O anche voi non volete dirlo?

Davide
20:55, 19 aprile 2015

Ciao io vorrei un chiarimento al riguardo se io entro dal casello e percorro la strada fino al primo tutor oltre il limite di velocita In teoria non essendoci un tutor di entrata non dovrei incorrere in nessuna contravvezione. Giusto?

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Immatricolazioni auto a novembre: +15%, ma le elettriche sono in calo

Sciopero 2 dicembre 2022 treni, metro e bus: gli orari

Ansia alla guida: perché mettersi al volante può spaventare?