Ecco come cambia il codice della strada

Roma, 16 mar. - (Adnkronos) - Arresto fino a tre mesi per chi guida in stato di ebbrezza o sotto effetto di sostanze stupefacenti; revoca della patente per chi inverte il senso di marcia sulle...

17 marzo 2007 - 21:34

Roma, 16 mar. – (Adnkronos) – Arresto fino a tre mesi per chi guida in stato di ebbrezza o sotto effetto di sostanze stupefacenti; revoca della patente per chi inverte il senso di marcia sulle autostrade o sulle strade extraurbane principali; limiti di velocità a 100 km/h in autostrada e auto 'depotenziate' per i neopatentati. Sono alcune delle nuove norme previste dal disegno di legge, varato oggi dal Consiglio dei ministri, per fronteggiare le stragi sulle strade italiane. Ecco nello specifico tutte le modifiche:

Modifica dell'articolo 117 del Codice della strada in materia di limitazioni alla guida. Per i neo-patentati, (pat. B) ai quali la patente sia stata rilasciata a far data dal 1° giugno 2007, è stata introdotta una ulteriore limitazione alla guida, relativa alla potenza specifica dei veicoli, riferita alla tara, che non puo' essere superiore a 60 kW/t (limitazione esistente: entro tre anni conseguimento patente di categoria B non si possono superare i 100km/h in autostrada e i 90 km/h strade extraurbane principali.

Modifica l'articolo 142 del codice della strada in materia di velocità dei veicoli. Mirato incremento sia delle sanzioni pecuniarie che della durata della sospensione della patente e una più graduale modulazione in funzione dell'eccesso di velocità accertato. In particolare si prevede la rimodulazione delle fasce di eccesso della velocità oltre il limite consentito che passano dalle attuali 3 a 4: superamento del limite entro i 10 km/h; superamento del limite oltre i 10 e fino a 40k/h con un aumento delle decurtazioni dei punti della patente da 2 a 5; superamento del limite oltre i 40 e fino a 60 km/h e supermento del limite oltre i 60 km/h e previsione decurtazioni dalla patente pari a 10 punti. In caso di ulteriore violazione dei limiti di velocità nel biennio (di oltre 40km e fino a 60 km) è prevista la sospensione della patente da 8 a 18 mesi. In caso di ulteriore violazione nel biennio di oltre 60 km è invece prevista la revoca della patente.

Modifica dell'articolo 173 del Codice della strada sull'uso di lenti e di determinati apparecchi durante la guida. Per le violazioni delle disposizioni di questo articolo era prevista una identica sanzione pecuniaria per tutte le fattispecie: da 70 a 285 euro. Con il questo disegno di legge, invece, in caso di mancato utilizzo di lenti o di determinati apparecchi per integrare le proprie deficienze organiche e minorazioni anatomiche o funzionali, la sanzione pecuniaria rimane da 70 a 285 euro. Mentre in caso di utilizzo di apparecchi radiotelefonici – ovvero di cuffie sonore durante la guida – la sanzione pecuniaria è ora stabilita da 148 a 594 euro e sospensione patente da 1 a sei mesi. In caso di recidiva nel biennio la sospensione è da 2 a 6 mesi.

Modifica dell'articolo 174 sulla durata della guida degli autoveicoli adibiti al trasporto di persone e cose. Aumentano le sanzioni previste per superamento dei periodi di guida e inosservanza periodi di pausa: da euro 370 a 1.485 (era da 143 a 570 ) e da 2 a 10 punti in meno nella patente. Inoltre vengono estese le sanzioni ai casi di alterazione del registro di servizio o di copia dell'orario di servizio: da euro 370 a 1.485 (era da 143 a 570) e da 2 a 10 punti 10l. Aumentaano anche le sanzioni previste per gli altri membri dell'equipaggio che non osservano le prescrizioni di cui sopra: da euro 143 a euro 570 (era da 22 a 88).

Modifica dell'articolo 176 sui comportamenti durante la circolazione sulle autostrade e sulle strade extraurbane principali. Si propone la revoca della patente, anziché la sospensione da 6 a 24 mesi, per chi inverte il senso di marcia e attraversi lo spartitraffico, anche all'altezza dei varchi, e per chi percorre la carreggiata o parte di essa nel senso di marcia opposto a quello consentito (permane la sanzione pecuniaria da euro 1.754 a euro 7.018 più la sanzione accessoria del fermo amministrativo del veicolo per tre mesi e in caso di reiterazione la confisca del veicolo).

Aumenta anche la decurtazioni dei punti della patente per i conducenti che non rispettano gli attraversamenti pedonali. Nello specifico la mancata precedenza a un pedone quando il traffico non è regolato da agenti o semafori passerà dagli attuali 5 punti a 8. Non agevolare il pedone per l'attraversamento della stradam quando non sono presenti gli attraversamenti pedonalim passerà da 2 a 4 punti, mentre se il pedone è una persona invalida la decurtazione sarà di 8 punti (prima era di 5).

Modifica agli articoli 186 e 187 del Codice della strada in materia di guida in stato di ebbrezza alcolica o sotto l'effetto di sostanze stupefacenti. Le modifiche costituiscono una risposta immediata e incisiva al gravissimo fenomeno della guida in stato di ebbrezza alcolica o sotto l'effetto di stupefacenti, che secondo stime dell'Organizzazione mondiale della Sanità, dell'Istituto superiore di Sanità e della Società italiana di Alcologia, determina almeno il 30% degli incidenti gravi che si verificano nel nostro Paese.

In particolare: per chiunque guida in stato di ebbrezza o in stato di alterazione psico-fisica dopo aver assunto sostanze stupefacenti o psicotrope è punito con l'arresto fino a tre mesi (era fino a un mese) e con l'ammenda da euro 1.000 a euro 4.000 (era da euro 258 a 1.032). Se il conducente provoca un incidente stradale, la pena è l'arresto da due a sei mesi e l'ammenda da euro 3.000 a 12.000. All'accertamento del reato conseguono la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da sei mesi a due anni (era da 15 giorni a tre mesi) e, limitatamente alla guida in stato di ebrezza, del fermo amministrativo del veicolo per 90 giorni. Inoltre, con la sentenza di condanna, anche a pena condizionalmente sospesa il giudice dispone la confisca del veicolo. E' previsto anche il ritiro cautelare della patente in attesa dell'esito degli accertamenti sanitari.

E' stato depenalizzato, però, il reato di rifiuto di sottoporsi agli accertamenti sanitari. E' stata prevista, quindi, la sanzione pecuniaria da euro 5.000 a 20.000, che passa da euro 6.000 a 24.000 in caso di incidente stradale, e la sanzione accessoria della sospensione della patente da sei mesi a due anni e fermo del veicolo per 180 giorni. In caso di più violazioni nel biennio è disposta la revoca della patente (era previsto arresto fino a un mese e ammenda, più sanzioni accessoria sospensione patente da 15 giorni a tre mesi). Ai fini dell'applicazione delle più gravi sanzioni si fa riferimento a un valore corrispondente a un tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi litro. Infine è stata prevista la possibilità di mutare, a istanza di parte, la pena detentiva nella misura alternativa dell'affidamento ai Servizi Sociali, con indicazione di preferenza per quelli che prestino la loro attività in sostegno di vittime di sinistri stradali o delle loro famiglie.

Inoltre si è introdotto il nuovo articolo 218-bis del Codice della strada, in materia di misure di intervento sui provvedimenti sanzionatori accessori nei riguardi dei conducenti definiti neopatentati. Nei primi tre anni successivi al conseguimento della patente di categoria B, quando è commessa una violazione per la quale è prevista l'applicazione della sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida, la durata della sospensione è aumentata di un terzo alla prima violazione e raddoppiata per le violazioni successive.

Modificato anche l'articolo 128 del Codice della strada in tema di revisione di patente per gli accertamenti sanitari o per esame di idoneità alla guida quando sorgano dubbi sulla persistenza dei requisiti fisici e psichici prescritti o dell'idoneità tecnica. In particolare: è sempre disposta la revisione della patente quando il conducente sia stato coinvolto in un incidente stradale e gli sia stata applicata la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida per non meno di sei mesi; è sempre disposta la revisione della patente per i minori di 18 anni che si siano resi responsabili di una violazione di norme del codice della strada dalla quale consegua la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida. Per chi non si sottopone agli accertamenti previsti, nelle more della definizione del procedimento, è disposta la sospensione cautelare della patente a tempo indeterminato.

Inoltre il disegno di legge del governo prevede l'introduzione di obblighi per i titolari o concessionari delle strade. Individuate con decreto del ministro delle Infrastrutture di concerto con quello dei trasporti le strade a più alto tasso di incidentalità, è fatto obbligo a tali enti di provvedere con priorità a ogni forma di intervento manutentivo, modificativo, o altro che possa nell'immediato garantire migliori condizioni di sicurezza nell'utilizzazione delle strade medesime.

Infine è prevista l'introduzione di disposizioni in materia di confisca dei ciclomotori e motocicli con cui sono state commesse violazioni di norme del c.d.s. relative al trasporto di persone animali ed oggetti e sull'uso protettivo del casco. Si tratta di una norma molto attesa dagli utenti, in quanto con il d.l. 115/05 era stata prevista la confisca del ciclomotore o motoveicolo se utilizzati per commettere una delle predette violazioni. Tale misura, ritenuta eccessiva – con la legge 24 novembre 2006, n. 286, di conversione con modificazioni del decreto legge 3 ottobre 2006, a 262, (c.d. decreto-legge collegato alla legge finanziaria 2007) – è stata limitata alle ipotesi in cui il ciclomotore o motoveicolo è stato utilizzato per commettere un reato, ma contemporaneamente non è stata introdotta alcuna norma transitoria per la restituzione dei veicoli non rientranti nella predetta fattispecie. Con il presente disegno di legge è stata prevista la restituzione dei veicoli in questione ai proprietari previo pagamento delle spese di recupero, trasporto e custodia.

http://www.adnkronos.com/IGN/Economia/?id=1.0.802287251

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Bonus rottamazione auto per TPL: slitta il decreto

4 errori da non fare con bambini fino a 12 anni e cinture di sicurezza

Guida in stato di ebbrezza auto confiscata

Etilometro non revisionato: l’onere della prova spetta all’accusa