Ebbrezza e oltraggio: l'orribile doppietta del calciatore Bertolo

Pizzicato ubriaco alla guida, il calciatore del Palermo, Bertolo, è stato pure denunciato per oltraggio a pubblico ufficiale

9 agosto 2012 - 6:00

Forse l'italiano medio, alle prese con la disoccupazione e la crisi, nutre invidia verso i calciatori, che fanno la bella vita fra viaggi, lusso e notte allegre; forse i mass media cercano di fare notizia “pizzicando” l'atleta milionario in comportamenti squlificanti; sta di fatto che pure il calciatore Bertolo (del Palermo), così come moltissimi altri colleghi prima di lui, ha fatto di tutto per confermare la nomea che si sono un po' creati questi sportivi strapagati: poco rispettosi delle regole, in particolare del Codice della strada.

I FATTI – Alle 5 del mattino del 6 agosto scorso, Nicolás Bertolo, centrocampista argentino 26enne del Palermo, è stato denunciato per guida in stato d'ebbrezza, minacce e oltraggio a pubblico ufficiale. Gli agenti hanno infatti notato una BMW X6 che zigzagava in corso Vittorio Emanuele nel capoluogo siciliano, poi controsenso alla Cala. Con lui c'erano altri atleti. Vista la pattuglia della Polizia, il sudamericano ha iniziato la fuga in macchina. Una volta acciuffato, è scattato l'alcoltest: 1,9 grammi di alcol per litro di sangue al primo controllo, 1,7 al secondo, contro un limite legale di mezzo grammo. Terminato il controllo della Polizia, Bertolo si è tolto la maglietta e ha provato ad aggredire uno degli agenti. In definitiva il ragazzo, ubriaco fradicio, andava pericolosamente a zigzag, poi contromano, e ha tentato l'aggressione agli uomini in divisa: complimenti.

COME FINIRÀ? – Per ora, una multona per le diverse infrazioni per Bertolo, più la sospensione della patente, più il sequestro della macchina; poi ci sarà il processo. Il Palermo calcio, dal canto suo, ha comunicato di “avere appreso quanto sarebbe accaduto al calciatore Nicolas Bertolo Una volta verificato quanto occorso al proprio tesserato, ascoltata la sua versione e quella degli organi competenti, deciderà eventuali provvedimenti”. Ed ecco Bertolo: “Mi scuso con il corpo della Polizia, con i nostri tifosi e con la società, sono profondamente rammaricato e pentito per quanto avvenuto, quanto successo non rappresenta la mia persona. Garantisco che simili episodi non si ripeteranno più”. Al momento, il presidente del Palermo, Maurizio Zamparini, ha definito “bravata” il folle gesto del centrocampista… Ma come finirà davvero questa storia? Gli verrà subito perdonato tutto, in nome di qualche gol e della prestazione sul campo tesa a esaltare le folle? Oppure ci si ricorderà che, in pesante stato d'ebbrezza, e con quei comportamenti in macchina così pericolosi, ha rappresentato una mina vagante per gli altri utenti della strada?

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

App parcheggio auto per trovare posto e pagare: la guida completa

Auto usate: +9% degli scambi tra privati da inizio 2022

Gomme invernali 215/55 R17: la classifica di Auto Bild