Drone, incidente con l'auto: chi paga?

Se un drone danneggia una vettura, a chi spetta effettuare il risarcimento?

7 maggio 2014 - 11:00

Qualsiasi novità tecnologica può comportare un cambiamento nel diritto. Nel caso che andiamo a prendere in esame, si tratta di un drone che potrebbe anche danneggiare un'auto: in una situazione del genere, a chi spetta effettuare il risarcimento? Prima di fare qualche considerazione in merito, prendiamo spunto da due recenti episodi di cronaca per dimostrare che l'incidente drone-auto non è così improbabile.

DI CHE SI TRATTA – Il drone che intendiamo è un apparecchio volante, che può anche essere un quadricottero: un velivolo senza pilota, ma comandato a distanza, che spesso è usato per operazioni di ricognizione e sorveglianza (nella guerra elettronica, può anche essere usato per operazioni di disturbo e inganno). Insomma, in breve, un RPV, ossia un Remotely Piloted Vehicle, veicolo guidato a distanza. Una meraviglia tecnologica. “Ne esistono di tutti i tipi ormai, più o meno grandi e soprattutto più o meno sofisticati. Ma quel che è più interessante, e per certi aspetti inquietante, è che chiunque può comprarsene uno”, racconta a repubblica.it Leopoldo Stefanutti, ingegnere aeronautico associato all'Istituto nazionale di ottica del CNR. Ultraleggeri, perlopiù di polistirolo o in fibra di carbonio se professionali, due telecamere a bordo. I più gettonati sul web sono i quadricotteri. Pochi centimetri di ampiezza, quattro eliche, un'ora di autonomia, programmabili o pilotabili anche con uno smartphone. “Quasi tutti dotati di un sistema gps di ritorno automatico, che dovrebbe innescarsi nel momento in cui cade la connessione wifi”.

QUALI PROBLEMI – I cieli di Italia sono invasi da 500 droni professionali (produttori, agenzie fotografiche, videomaking o specializzate nella sorveglianza o anche nello spionaggio). In più, scrive repubblica.it, è impossibile stimare quanti siano quelli giocattolo, per cui sarebbe vietato sorvolare centri urbani e dovrebbero venir utilizzati solo in campi volo ma di fatto sono una minaccia per la privacy e l'incolumità di chi viene sorvolato. Ma spiega Carmine Cifaldi, direttore del settore Regolazione Navigabilità Enac: “Si può essere denunciati se sorpresi senza autorizzazione o a utilizzare un giocattolo in zone a rischio, le sanzioni sarebbero quelle del codice della navigazione. In effetti, vigili urbani e forze dell'ordine restano ancora spiazzate di fronte a un drone scappato dalla base”. Il fatto è che, a Firenze, un drone l'hanno riportato a terra i vigili del fuoco domenica sera in piazza Santo Spirito. Si era incagliato nella grondaia di un palazzo, curiosava dall'alto, per un pelo non è precipitato sui tavoli della movida. Un altro, racconta il quotidiano, se l'è ritrovato in giardino un giornalista fiorentino. Zona stadio. Il volo del “piccolo spione” si è infranto contro un albero.

IL SINISTRO DIETRO L'ANGOLO – Già, e che cosa potrebbe mai accadere se un drone dovesse impattare contro un'auto? Il danneggiato dovrebbe richiedere il risarcimento al proprietario del drone, sempre che lo riesca a individuare. Il guaio è che non sarà certo una passeggiata avere il rimborso: di certo, non c'è l'indennizzo diretto con la firma della constatazione amichevole, come solitamente accade fra due auto. Il malcapitato automobilista dovrà rivolgersi al Giudice di pace e chiedere i danni in sede civile. Forse, un'eccezione potrebbe essere rappresentata da un'eventuale assicurazione contro i danni stipulata dal proprietario del drone. Ancora più complessa e delicata la questione se mai un drone dovesse causare un sinistro con lesioni fisiche del guidatore dell'auto (o della moto). Appunto, qui si torna alle righe iniziali dell'articolo: cambierà il diritto con l'avvento dei droni? Arriverà, sgomberando il campo dagli equivoci (ora la questione non è chiara) una polizza assicurativa obbligatoria per i droni? Che comunque non vanno demonizzati: qui SicurAUTO.it ha dimostrato che possono essere preziosi perfino per capire la dinamica di un sinistro fra auto, grazie alla visuale dall'alto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Viaggiare in autobus è sicuro

Incidenti con autobus -4,5%, nel 2018 calano più degli autocarri

Pedoni regole per attraversare la strada

Pedoni: le regole per attraversare la strada

ADAS obbligatori dal 2022: l’elenco ufficiale va in Gazzetta UE